Autismo e l’acqua magica …. quali pericoli ???

Ribloggo un post di Alberto “Paperinik” Fagni, un personaggio molto conosciuto in rete e molto “controverso”… Che ne pensate?

autismomicanoccioline

Sono stato combattuto sullo scrivere o meno questo post.
So che mi attirerò le ire di molti. So che creerà nuove antipatie nei miei confronti ,ma lo devo al mio modo di essere , per me prima vengono i bambini.
Spero solo di far riflettere qualcuno,niente di più.

Ultimamente sento molto parlare di CEASE Therapy, in rete si trovano molti genitori prnoti a giurare che funzioni sul figlio,nonostante non ci sia nessuna evidenza di efficacia.
Ma ci sono molte cose che mi preoccupano dell’uso di questa “acqua magica” , visto che la cease si basa su acqua “dinamizzata” ,ovvero si prende una sostanza (tossica, di quelle che avrebbero creato il danno) e si diluisce tante , tante ed ancora tante volte fino a quando non resta nemmeno una molecola della sostanza stessa, ma resta solo l’acqua (talvolta un po’ di alcool usato per diluire) .
Acqua che, secondo una…

View original post 986 altre parole

PERFETTA EFFICIENZA – di Fredric Brown (?)

autismo incazziamoci

Quando nostro figlio ha avuto la diagnosi, abbiamo provato la solita fantastica esperienza che provano tutti i genitori..

– Contate pure su di me per qualunque cosa – ha detto il neuropsichiatra.

Io e mia moglie eravamo ancora leggermente scossi, ma tutta quell’efficienza ci stava facendo riprendere rapidamente.

Eravamo un po’ rimasti male all’inizio, ma subito ci avevano impressionati la competenza della pediatra, che ci aveva immediatamente somministrato la CHAT per diagnosticare il «sospetto autismo» e subito ci aveva indirizzati al centro giusto. Ci aveva impressionato l’efficienza e la competenza con cui ci aveva comunicati il sospetto diagnostico e la finezza con cui ci aveva preparati alla brutta notizia.

Adesso, in quel centro, solo un mese dopo la visita dalla pediatra, stava avvenendo tutti molto in fretta, ma tutto con una tale professionalità che ci sentivamo tranquilli: ci era capitata una sfiga, ma intorno a noi esisteva un gruppo di…

View original post 289 altre parole

UNA PEDIATRA OTTUSA – di Lucio Battisti (?)

autismo incazziamoci

Sogno la pediatra del paese e io là
le dico che non indica e non porta niente:
si preoccupa, lo guarda, poi ci fa la CHAT
e non ci rassicura come una demente!

E sogno all’Ospedale di evitar le code
perché il sospetto autismo passa sempre avanti
esser diagnosticati ma entro mezzo mese
capir velocemente quali sono i trattamenti

Ma che colore ha una pediatra ottusa
ma che sapore ha una scienza mal spesa?
Ma che colore ha una neuropsichiatra
ma che sapore ha una mente tarlata?

Sogno una psicologa che veda al nido
i gesti e i segni di mio figlio e ne capisca il nodo
e non consigli psicanalisi alla mamma
che per educazione solo non ne ha fatto un dramma

Ma che colore ha una psicologa odiosa
ma che sapore ha una ciuccia presuntuosa?
Ma che colore ha una stronza paurosa
ma che sapore ha una porca…

View original post 42 altre parole

IO NON MI FERMO

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

 

 Oggi l’incazzatura ce l’ho io, anzi sono quasi due anni che sono incazzata, forte.

Partiamo dal principio. Francesco, 21 mesi, all’improvviso smette di parlare, girarsi, guardarci in faccia e usare la gestualità che aveva acquisito, sembra – come spesso dico – che sia tornato ad essere u bimbo di tre mesi.

Inizia il tour, pediatra (zio di un ragazzo autistico di 33 anni)… per lui tutto nella norma, otorino… non è sordo, sente benissimo, oculista… ci vede meglio di me. Neuropsichiatra infantile: forse epilessia, sicuramente qualcosa c’è ma ovviamente lui non sa.

Il Neuropsichiatra mi manda al Federico II di Napoli per accertamenti. Badate bene, dal mese di luglio che mi prenoto mio figlio viene ricoverato il 10 dicembre 2014! Accertamenti, risonanza,elettroencefalogramma, test psicologici… nulla: mio figlio – a parer loro – ha una mancata mielinizzazione, quando passerà il bambino ricomincerà a parlare.

Io in cuor mio sono già mesi che sono convinta che mio figlio è autistico… ma per loro no!

Il medico dell’ASL mi dà le terapie: tre giorni psicomotricità e due logopedia. Lui è convinto che il bambino non è autistico, ma intanto mi invita nel suo ospedale per altri controlli e indagini… fatte e rifatte fino alla noia.

Rifiuto e vado avanti.

Maggio 2015: ricovero mio figlio a san giovanni rotondo. Si parlava che lì avessero trovato una (cura) per l’autismo. Esami,di nuovo esami, dalla testa ai piedi. Il primario quasi mi urla in faccia che il ragazzino è autistico(ma va?!!!). Un altro medico, più delicato, mi consiglia di continuare il percorso riabilitativo e di fare la dieta senza glutine e caseina.

La causa? Ovviamente i vaccini assolutamente no! Ma la causa dell’autismo non la sa nessuno….

Ovviamente i vari controlli risultano tutti perfetti.

Giugno,conosco quello che chiamerò il Santone, un noto psichiatra barese del DAN: 20 minuti di visita,150 euro.

Il santone barese non guarda il bimbo neanche per sbaglio (cosa cazzo l’ho portato a fare?)…

“Devi fare questo, questo e questo; analisi porfine (negative), dieta ferrea bla bla bla, integratori, chelazione e mal che vada camera iperbarica! Arrivederci a settembre!”

Settembre che non è mai arrivato perchè il carissimo era sempre troppo occupato per venire nella mia città a visitare! Le porfine erano negative, i minerali e integratori stavano rendendo mio figlio calvo, nessun miglioramento, ma lui mi diceva di continuare…eh si col cazzo!

Ho interroto il metodo Dan, ho cominciato l’aba: un fallimento TOTALE! Sei mesi persi in km per raggiungere il centro…

Faccio fare a mio figlio analisi della celiachia e tiroide… ops il bimbo è celiaco, intollerante al latte e alle uova… e in più tiroide di hascimoto….

Ma davvero io dovevo trovare i problemi di mio figlio, dopo che sono quasi due anni che gira medici e ospedali?

Ora mio figlio sta a dieta ferrea, logopedia e psicomotricità, e qualche risultato VERO lo sto vedendo.

Io non mi fermerò fino a che non ritorna alla normalità, ma almeno una strada vorrei tentarla.

Chi – come me – si è ritrovato nella stessa situazione?

A giorni decido: o lo porto da Montinari o dalla Pistelli per cominciare la Cease Therapy… Chi si ferma è perduto, ma chi non crede in se stesso lo è di più!

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 737 follower