STATE ABA-STANZA ATTENTI ALLE “FREGATURE”

Riceviamo e volentierissimo pubblichiamo (G.P.)

Pensavo di essere una persona ormai matura e razionale. Ho visto e conosciuto molti posti, ho lavorato per tanti anni e quando mi sono fatta una famiglia ero già abbondantemente nell’età adulta. La diagnosi di autismo di mio figlio ha cambiato tutto, come voi purtroppo sapete, non c’è bisogno di spiegarlo a voi.

Ho letto di famiglie rovinate dal costo di improbabili trattamenti per l’autismo ed ho pensato che a me non sarebbe mai successo perchè io facevo ABA. Tutto basato sulla scienza. Invece no, tutto basato sul mercato.

In questo momento tanto difficile per la nostra economia, ABA in Italia è un mercato ancora senza regole, con potenzialità di crescita molto forti e poche professionalità altrettanto forti.

Qualsiasi psicologo con pochi mesi di formazione può improvvisarsi come esperto e quelli che hanno il titolo americano BCBA si contano su una mano. Ma proprio per questo è altamente improbabile che prendano in carico e seguano il vostro bambino. Se cercate di contattarne uno, molto probabilmente non verrà di persona e vi affiderà ad un collega o a persone del suo staff.

Il problema è che lo farà alla stessa tariffa che prenderebbe lui e che il contenuto del programma che vi proporrà avrà altrettante (e diverse) lacune rispetto a quello che vi potrebbe proporre un consulente italiano.

Se non avessi avuto i soldi per poter contattare un BCBA, mi sarei sentita in colpa per tanti lunghi anni. Nonostante tanti anni di lavoro, non avrei potuto offrire a mio figlio il miglior trattamento educativo.

Se vi state sentendo così, smettetela. Un trattamento ABA di qualità è fortemente personalizzato e tiene conto non solo delle caratteristiche del bambino ma anche degli ambienti che frequenta e soprattutto, un supervisor non deve costare come un mutuo. Non ne vale la pena, in ogni caso.

Questo è il punto principale, ma vi vorrei parlare anche…

- dei costi dei terapisti. Si può avere un bravo terapista a 12 euro l’ora. Non accettate tariffe troppo alte, la qualità del lavoro non aumenterà.

- delle tecniche di insegnamento e di masterizzazione. Ci sono associazioni e cooperative che non ne comunicano una parte consistente ai genitori. Non accettate queste condizioni. Dovete essere voi a guidare tutto ciò che riguarda la riabilitazione di vostro figlio e non potete permettervi di essere dipendenti dai terapisti.

- Dovete ricevere la stessa formazione che pagate per i vostri terapisti. Non accettate condizioni diverse

- Quando sentite la frase “Faccia il genitore che noi facciamo i terapisti”, scappate. ABA è nata proprio perchè i genitori siano i terapisti dei propri figli. Potete e dovete imparare a lavorare e se voi siete presenti avrete risultati molto migliori. Nessuno al mondo può avere la vostra motivazione.

LMV

About these ads

Pubblicato il 11 giugno 2012, in ABA (Applied Behavior Analisys) con tag , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. Questo commento di LMV mi ha colpito più di altri. Descrive lucidamente l’odissea di specialisti che forniscono solo un “brand” e salassi relativi a carico delle famiglie,giro bastardo nel quale entrano molti con problemi simili da gestire. Il sottoscritto ci ha anche scritto un libro su questi viaggi(anche mentali)della speranza, tra pediatri distratti e specialisti o sedicenti tali, con i pochissimi medici davvero capaci di farti fare un salto di qualità che magari se ne vanno dall’Italia perchè allettati da un’offerta migliore all’estero. Non scrivo il titolo del libro xchè non voglio essere accusato di fare spamming. Chi ha curiosita me lo chiederà in privato.
    Nicola C

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 510 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: