AUTISMO TRA LA GENTE

Un’intervista doppia (anzi… sestupla) che alleggerisce il tema dell’autismo e, con domande secche e precise rivolte a sei genitori, affronta e mira ad informare quello che realmente è l’autismo e come lo si vive, tra analogie e differenze. I genitori affrontano questo tema in maniera sincera e simpatica.

Informazioni su questi ad

IN CANADA E’ UN’ALTRA COSA

Pubblichiamo il resoconto dell’esperienza della nostra amica Rosa, mamma con bambino autistico che ha avuto la fortuna di andare a vivere in Canada (G.P.)

Mi chiamo Rosa, ho 27 anni e sono la madre di un bambino autistico di 3 anni.
Per fortuna vivo in Canada: qui l’autismo è più conosciuto e seguito rispetto all’Italia. Ho ricevuto la diagnosi di autismo quando mio figlio aveva circa 2 anni e mezzo, 8 settembre 2008 (l’anno piu’ difficile della mia vita).

E’ cresciuto normalmente fino a 12 mesi… poi l’ho visto pian piano chiudersi in se stesso. Non mi chiamava piu’ mamma, non mi guardava piu’ negli occhi, non sorrideva piu’ come faceva prima, non rispondeva se chiamato per nome. Tutti mi dicevano che si sarebbe sbloccato e che non parlava a causa della confusione per le lingue (pediatra e logopedista compresi). Ma io lo leggevo nei suoi occhi, nel suo sguardo assente che qualcosa non andava.

Allora non conoscevo l’autismo: ne avevo sentito parlare, ma pensavo che i bambini autistici fossero solo quei bambini che si mettono nell’angolino a fissare il vuoto….

Per fortuna, una mia cara amica che lavora nel campo è stata come un angelo, perché mi ha fatto capire che l’autismo è molto di piu’. Così ho cominciato a lottare affinché mio figlio ricevesse al più presto una diagnosi.

Lo abbiamo salvato giusto in tempo, perché solo con un intervento precoce si può permettere a questi bambini di recuperare il piu’ possibile.

In 3 mesi mio figlio è rinato. E’ seguito da un centro che collabora con l’asilo che frequenta. E’ un normale asilo, non una scuola speciale, ma le maestre sono preparate e vengono controllate dalle terapiste del centro, che consigliano loro le strategie da usare affinché il bambino apprenda il piu’ possibile. Grazie a questa collaborazione, in poco tempo mio figlio ha recuperato un anno di ritardo.

In base ai progressi fatti, la diagnosi verrà presto rivista: ci hanno già anticipato che passerà da autismo classico ad autismo ad alto funzionamento.

Mio figlio é un bambino molto sveglio, ha ritrovato il suo sorriso meraviglioso e ogni giorno impara tante cose nuove.

Fisicamente non ha problemi: la coordinazione dei movimenti é perfetta, ha  il gioco simbolico e anche il contatto oculare é migliorato tantissimo. Ha ancora difficoltà a comunicare in modo corretto e a socializzare.

Se ripenso a come era prima della diagnosi mi sembra un miracolo che sia cambiato così tanto e in così poco tempo… e mi rendo conto che questo miracolo é potuto accadere solo grazie all’aiuto che ha ricevuto e quindi a una diagnosi precoce.

E’ da un po’ che ci penso: tanta gente continua a chiedermi cosa sia l’autismo e io… vorrei dirlo a tutti. Non solo a quelli che me lo chiedono, ma anche a quelli che non ci pensano assolutamente ma che potrebbero incontrarlo e trovarsi impreparati. Tutti devono sapere cos’e’ l’autismo!

E’ spaventoso: sempre più bambini vengono colpiti da questo disturbo e adirittura i pediatri non sanno cosa sia. Perché c’e’ tanta ignoranza in giro?

Io non mi vergogno, come fanno tanti genitori: io sono orgogliosa di mio figlio, il mio bimbo speciale, e lo griderei al mondo intero che mio figlio e’ un piccolo Angelo.

Mi rendo conto che e’ un’impresa disperata coinvolgere gente alla quale non interessa l’argomento, però un figlio autistico potrebbe nascere in qualunque famiglia e i genitori sono i primi a dover riconoscere i sintomi.

Dobbiamo trovare un modo per far sapere a tutti cosa sia l’autismo, perché solo un intervento precoce puo’ permettere a questi piccoli Angeli di poter volare in alto.

ROSA

KIM PEEK

PER LA GIOIA DEL MIO AMICO MINGUCCIO, COPIO-INCOLLO (ANCORA UNA VOLTA) DAL BLOG “IDIOT SAVANT”

Il più famoso savant nonchè quello con le capacità più straodinarie è Kim Peek, nato a Salt Lake City nel 1951 e recentemente scomparso: fin da piccolo era in grado di memorizzare intere pagine che i genitori gli leggevano, e crescendo riusciva a leggere un libro in un’ora e a ricordarsene il 98% a memoria. Nel corso della sua vita ne ha memorizzati 12000 senza scordarsene una sola parola! Inoltre era in grado di leggere contemporaneamente due pagine. La sua memoria riusciva a spaziare in diversi campi: conosceva i cap di ogni località degli Stati Uniti, era in grado di riconoscere migliaia di brani di musica classica e di ricordare un pezzo sentito decenni prima e di riprodurlo al pianoforte. Riusciva a indovinare compositori di musica mai sentita ricorrendo al paragone con le migliaia di pezzi che aveva in mente. Le sue capacità si estendevano anche alla matematica, riusciva a fare a mente calcoli complessi in pochi secondi e a scomporre numeri altissimi in numeri primi! A differenza di molti altri savant Kim è eccezionale anche nel fatto che ha dimostrato crescenti capacità socializzanti e senso dell’umorismo.

DANIEL TAMMET

DAL BLOG “IDIOT SAVANT”

I savant prodigio al mondo sono circa una cinquantina, fra questi uno dei più straordinari è sicuramente Daniel Tammet, un londinese affetto da autismo e sindrome di Asperger. Le sue abilità sono particolarmente sviluppate nel calcolo e nelle lingue. La sua percezione dei numeri è del tutto singolare: ci racconta che nella sua mente ciascun numero intero fino a 10000 ha la sua particolare forma, colore, struttura e sensazione tattile: questo procedimento mentale viene chiamato sinestesia.Daniel può “vedere” nella sua mente i risultati dei calcoli semplicemente come se fossero dei paesaggi senza dovere fare uno sforzo consapevole, inoltre dice di poter “avvertire” se un numero sia primo o composto. Ha descritto la sua immagine visiva del 289 come particolarmente brutta, mentre il 333 sarebbe assai attraente, il Pi greco bello. I numeri 23, 667 e 1179 hanno un’immagine particolarmente grande, mentre il 6 non avrebbe un’immagine distinta. Tammet non si limita a descrivere verbalmente tali visioni, ma ha anche creato un lavoro artistico: una rappresentazione in acquerello del Pi greco. Una delle sue performance più spettacolari è proprio legata a quest’ ultimo numero: durante una manifestazione, nel marzo del 2004, Daniel ha recitato il pi greco fino a 22514 cifre in poco più di cinque ore!
Ma come accennavo all’inizio del post i calcoli e i numeri non sono le uniche abilità spettacolari di Daniel, ha anche una spiccata predisposizione ad imparare le lingue: ad oggi ne parla ben undici fra cui l’inglese, il francese, il finlandese, il tedesco, lo spagnolo, il lituano, il rumeno, l’estone, il gallese, l’esperanto e l’islandese (imparato in una sola settimana!). In più sta creando una nuova lingua chiamata Manti.
Tammet si distingue dagli altri savant perchè è uno dei rari esempi di ottima gestione della malattia: ha tenuto molte interviste in cui appare disinvolto e ironico, aspetto quasi sempre assente nei savant. Vi riporto il link di una sua intervista al David Letterman Show (mi dispiace ma non sono riuscito a trovarla in italiano); ha scritto anche un libro Nato in un giorno azzurro in cui racconta la sua vita, un’altalena tra malattia e genialità.