PSICODINAMICI PSICODINAMICI!

Crosspòst da Segnala gli ultrapsicodinamici

Ciao a tutti, io vorrei soltanto sfogare la mia rabbia, per troppo tenuta stretta, mio figlio ha quasi 8 anni e da poco abbiamo avuto la diagnosi di Asperger. Quando aveva 3 anni lo abbiamo portato all’ospedale Maggiore di Bologna (e qui faccio anke nomi e cognomi!!!!) dove una certa dott.ssa Pini e Giannotta, dopo aver diagnosticato tic, poi ansia, poi distonia-discinesia, farmaci vari quali antiepilettici (presi per piu di due anni),antiskizoidi (orap), ecc mi dissero che il problema erano questi movimenti stereotipati, dati dall’ansia che gli trasmettevo sicuramente io, perchè loro avevano notato che io ero una mamma ansiosa (che io dico…quale mamma nn sarebbe ansiosa con il proprio figlio pieno di fili in un ospedale..??…mahh).

Ci hanno dimesso con un consiglio: iscrivere il bambino a ginnastica ritmica, in modo da poter coordinare i suoi movimenti e la goffaggine. Il bambino era intelligente ai test cognitivi, quindi per loro era tutto ok….!!!!

Poi andando a Milano al Besta, FINALMENTE, DOPO 3 ANNI d’inferno, tra esami, farmaci e ginnastiche varie, ci indicarono la forte possibilità di una forma dello spettro autistico, che poi tramite i test che noi tutti conosciamo (PEP,ecc…) escludendo tutte le altre varie patologie, gli hanno diagnosticato l’Asperger, dopo quasi 4 anni dall’inizio di tutto.

Quando dicevo che c’era qualcosa che non andava, i medici mi prendevano per ansiosa, matta, visionaria, beh ora vorrei fare un applauso a quei “bravissimi” medici che ci hanno fatto perdere tempo prezioso ,riempiendo il mio bimbo di aghi, farmaci, visite e ricoveri…

Complimenti, e da quello che so, lavorano ancora presso il Maggiore, probabilmente questa è una cosa che denunzieremo, io e la mia famiglia stiamo valutando e sinceramente non sappiamo a chi rivolgerci, anche perchè, volendo essere onesta, adesso è stato preso in carico dalla asl di competenza, noi attualmente facciamo il parent training, lui fa 2 ore a settimana presso una struttura del centro per l’autismo di Reggio Emilia, fà logopedia una volta ogni quanto serve, psicomotricità l’ha terminata, non xkè non ne avesse bisogno,ma xkè ci sono molti bimbi… Quindi il tutto se si vuole si fa a pagamento… insomma, pur essendoci tanti bei discorsi da parte negli neuropsichiatri e tante “iniziative” a parole, di fatti ne vediamo ben pochi.

Già si sono scordati la nuova certificazione per il sostegno, così mio figlio ha perso 2 ore rispetto all’anno scorso, con la scusa che sono fatte il 22 novembre….(era scaduto a giugno)….si sono scordati di convocare a riunione le insegnanti.

Da noi fanno gli incontri, o perlomeno dovrebbero farli, 2 volte all’anno, con tutto il team che segue il bambino e i maestri, ma si sono scordati anche questo.

Insomma, noi ci sentiamo lasciati a noi stessi e finora ho lottato come una tigre e graffiato come una pantera per poter saltarci fuori, ma adesso siamo veramente stanchi!!

Come si può pretendere ds unA famiglia di essere genitori, psicologi, dottori, segretari, di occuparci delle parti burocratiche degli appuntamenti tra di loro e stare continuamente in angoscia per paura di essere scordati……..!!!!!!

Stefania

2 aprile: LUCI BLU

1 aprile: è quasi la giornata mondiale dell’autismo

SONO SOLO PROBLEMI COMPORTAMENTALI!

Riceviamo e pubblichiamo (G.P.)

Il 31 gennaio 2012 è scaduto il pass disabili (Comune di Milano) di mio figlio di sei anni, unico “privilegio” di cui gode visto che non ha diritto ad altro poichè ha un reddito di ben € 1’000 circa eccedente la soglia di € 4’000,00 che determina l’accompagnamento (reddito dato dalla pensione di reversibilità del suo papà che è mancato quando aveva solo tre anni).

E’ ovvio che il pass mi è molto utile perchè ci sono momenti in cui è davvero difficile, anche aiutata da una seconda persona, accompagnarlo se decide che non ha voglia di fare neanche un metro.
Precisando che la precedente visita che ne ha riconosciuto l’invalità al 100% scadrà a febbraio 2013, il 9 febbraio scorso ha dovuto fare una nuova visita presso l’ASSL di VIa Perini, distretto 2 di Milano.

Il medico di turno in modo molto scostante e dopo un breve ascolto ha affermato “Il bambino ha solo problemi comportamentali!”, salvo poi riprendermi/ci per due volte perchè lo stesso bambino toccava in modo ossessivo e disordinato (nonostante i miei tentativi di fermarlo) le sue carte sulla scrivania. 

Per il responso, non anticipabile, avrei dovuto aspettare quindici giorni circa.

L’ho ricevuto il 19 marzo successivo (un mese e dieci giorni dopo), con esito negativo e possibilità di richiesta di riesame.

Desidero denunciare un “dottore” che si sente di definire l’autismo come “SOLO dei problemi comportamentali”.
Non lo accetto, qualunque genitore di un autistico si sentirebbe preso in giro, che altro vuole che diventi?

E riguardo alla “NON deambulazione sensibilmente ridotta”, è vero, a tal punto che a volte mi scappa via così veloce che non riesco a raggiungerlo fin quando non si ferma lui, magari in mezzo al traffico così come è già successo più volte per una minima distrazione.

Mi scuso per lo sfogo ma penso che anche cavarmela da sola, senza alcun aiuto nè privato nè statale (dopo che il danno l’ha fatto proprio una ASSL iniettandogli un vaccino trivalente contenente un prolungatore di scadenza a base di piombo e mercurio già fuori legge ma con proroga per esaurimento scorte) sia più che sufficiente ma… “in fondo non ci sono le prove, sono solo problemi comportamentali”.

E.M.
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 679 follower