MENO MALE CHE AUTISMOINCAZZIAMOCI C’E’

Quell’anima santa di Paperinik, l’eroe smascherato dell’approccio biomedico all’autismo, che se ne va in giro per il web a spiare tutto e tutti, credendosi Mata Hari, ha più volte riso del nostro forum quasi sempre deserto.
Dopo di che, s’è addirittura lamentato perché nei commenti di AI si litiga troppo e – secondo lui – il dialogo non sarebbe costruttivo.

Vediamo ora di analizzare come sono costruiti i tre siti che fanno da casa a Paperinik: Autismoparliamone, Emergenzautismo e Ippocrates.

Purtroppo, sono tre siti nati direttamente dall’esperienza di Genitoricontroautismo.org, il sito capostipite della penetrazione selvaggia del DAN! in Italia, che ha subito qualche anno fa una violenta scissione e s’è diviso in più parti. Genitoricontroautismo era – in origine – un sito statico, con pochi argomenti visibili e un forum nutritissimo. Quello che premeva ai gestori del sito era “Iscrivetevi al forum!!!“.

Si è scelto deliberatamente di non puntare sul sito, ma sul forum. Perché???

Perché il forum è facilmente controllabile e sul forum puoi dare qualunque tipo di informazione senza timore di essere smentito, perché – tanto – se vieni smentito o se ti mettono in difficoltà – puoi bannare chi ha osato contraddirti e cancellare tutto ciò che è stato scritto in maniera non conforme al “pensiero unico”.

Sì. Perché su Genitoricontroautismo.org c’era un pensiero unico. Il pensiero era: ci hanno sempre presi per il sedere, l’autismo non è incurabile ed esistono delle cure provenienti dall’America che hanno già fatto guarire tanti bambini.

Era, naturalmente, un “pensiero unico” falso. Se non altro perché l’autismo è una sindrome, decine forse centinaia forse migliaia forse milioni di malattie diverse con sintomi assimilabili.

Eppure, per colpa di quel vecchio signore chiamato Genitoricontroautismo, il vecchio “pensiero unico” è rimasto, si è solidificato. E le tecniche di abbordaggio dei “nuovi utenti” si sono affinate.

Nel contempo, sono aumentate le lotte intestine. Il vecchio gruppo degli ANGSIANI, che pure aveva abbracciato beotamente gli approcci più disparati, passando per Delecato e la Comunicazione Facilitata, quindi per il TEACCH e – senza sfiorare l’ABA – andandosi a prostrare di fronte ai piedi del figlio di Autismo Italia e della sua datrice di lavoro Americana (senza contare la signora Autismoitalia, Donata Vivanti, con il suo intoccabile inutile nostalgico Zappella), hanno cominciato a mostrare i denti e a farsi sempre più aggressivi. Hanno cominciato a dire “Il DAN! è una serie di cazzate… L’omotossicologia non serve a nulla… Le diete sono inutili… I  ciarlatani vi rubano i soldi…“… e maldicenze del genere.

Dico “maldicenze” non perché siano falsità (anzi: l‘approccio biomedico all’autismo – qualunque approccio biomedico – ha alla base una menzogna grande una casa: quella che l’autismo sia una malattia – e una malattia curabile – non una sindrome), ma perché questi genitori – questi stessi che adesso si scagliano contro “il dottor Internet” – hanno fatto di tutto, sono stati loro stessi clienti di Rimland… sono stati loro – prima degli altri – dei pirla immensi… e adesso non si limitano a dare del pirla ai genitori che ci ricascano, ma li assalgono con acidità sprezzante.

.

Dall’altra parte, cioè nei forum dei Emergenzautismo e Autismoparliamone (soprattutto di Emergenzautismo) – che sono forum con il sito e non siti con il forum – se contesti i concetti basilari vieni escluso. Il Dio Biomedico vuole fede: non ammette nemmeno il più piccolo dubbio.
.
Faccio un esempio: sul forum parlano di un bambino che ha cominciato a picchiare tutti all’asilo, maestre comprese: nel forum di Emergenzautismo la “crisi comportamentale” dipenderà sicuramente dal contatto inopportuno con la maestra, che ha toccato il bambino senza essersi lavata le mani subito dopo aver distribuito il pane (glutine) agli altri.
Se qualcuno esprime perplessità (se tocco un pezzo di pane e poi tocco un celiaco, il celiaco non se ne accorge nemmeno) su Emergenzautismo Fromitaly – la grande capa – ti banna immediatamente.
.
Su Autismoparliamone si discute un po’, giusto per far vedere che sono più democratici, e poi ti bannano lo stesso.
Il DAN (anzi l’ARI, perché negli USA hanno deciso di cambiare nome) è una fede con molti seguaci e spessore teologico. Non c’è ragione che tenga: bisogna credere. Chi non crede, è fuori.
Tiziano Gabrielli, in una chiacchierata avuta ultimamente via e-mail, mi ha scritto:
“Se davvero avesse senso l’intervento biologico, avremmo bambini che comincerebbero ad apprendere normalmente e in cui i comportamenti problematici squaglierebbero. Quindi non avrebbero bisogno di ABA (che invece fanno tutti). Nessun celiaco o Crohn, per guarire, una volta iniziata la cura, si vede prescrivere ABA…”
Il forum di Autismoparliamone non è così schizzato verso l’irrazionalità come quello di Emergenzautismo, ma è frequentato da mine vaganti  pronte ad esplodere: quel Paperinik che conosciamo anche noi, che ha costruito la sua carriera da complottista raccontando la storia (falsa) degli Amish che non hanno autistici perché non vaccinano i bambini. Altri personaggi molto inclini al biomedico, altri inclini a “qualunque cosa, purché si paghi”… e infine il condizionatore per eccellenza di quel forum: il dottor Massimo Borghese.
Massimo Borghese è un foniatra che ha “inventato” un intervento per l’autismo. Sebbene sia un foniatra, s’è preso la briga di unire – al suo intervento rigidissimo e rigorosissimo (una mia amica l’ha definito “il Full Metal Jacket dell’autismo”) – una dieta rigidissima.
.
Borghese è il Dio Intoccabile di Autismoparliamone… e chi mette in dubbio i suoi “ex autistici” o critica l’utilità delle sue serate-spot in cui suole mostrare dei video in cui si vedono bambini-ragazzi che dicono “sono guarito dall’autismo”, è automaticamente fuori dal forum.
.
La parte “buona” del fu Genitoricontroautismo è Ippocrates, se non altro perché il suo forum non è vivo come quello degli altri due e perché è frequentato da due o tre personaggi – non di più – preparatissimi nell’Applied Behavior Analisys e in grado di dare ottimi consigli e risolvere grossi problemi (sebbene anche lì si annidino vipere pericolose pronte ad azzannarti al collo).
.
Ippocrates, dopo un primo periodo in cui era diviso in due (ippocrates.it dedicato all’ABA e ippocrates.org dedicato all’intervento biomedico), è diventato uno solo… limitandosi (ed è una fortuna) all’intervento abilitativo-educativo per l’autismo: quell’intervento che viene deciso e costruito – giorno per giorno – dall’uomo: non dalla religione.
.
In questo marasma, ben dopo la gemmazione di Genitoricontroautismo, è nato Autismoincazziamoci. E – siccome non deriva da quella esperienza – non è nato come un forum con il sito ma come un sito-blog. Non è nato per fideizzare, ma per informare.
La nascita di Autismoincazziamoci ha completamente destabilizzato il precedente web-panorama dell’autismo: i genitori di soggetti autistici hanno finalmente avuto una voce fuori dal coro con cui intonarsi e cantare… e anche quelli che prima erano irretiti dalle sirene di Fromitaly hanno cominciato a pensarci due volte.
Prima, chi cercava l’autismo su internet, si imbatteva in genitoricontroautismo. Con la morte di genitoricontroautismo, ha cominciato ad imbattersi in Emergenzautismo e Autismoparliamone: molto meno in Ippocrates (l’originario genitoricontroautismo, che pure esiste ancora, è diventata una ONLUS senza arte né parte, certo ripulita da gran parte del lerciume DANnato, ma “mediaticamente” impoverita dalla perdita della potenza distruttrice delle due sorelle che se ne sono andate a fondare Emergenzautismo)…
.
Adesso, chi cerca informazioni su internet, ferma restando l’inadeguatezza delle proposte ufficiali (i siti web di ANGSA, AUTISMO-ITALIA e anche Autismoonline di Rusticali – il marito della signora Angsaveneto – sono ridicoli), può trovare una realtà che va al di là dei formalismi e dei fanatismi, che non crede alle magie e alle religioni ma che pretende un sano pragmatismo (se tu mi dici che l’aglio cotto guarisce l’autismo, devi fare uno studio tra due gruppi: uno trattato ad aglio cotto ed uno a placebo – per esempio cipolla cotta)…
.
Le guerre qui sono esplose più che altrove, perché sui siti suddetti qualunque provocazione viene interrotta sul nascere e qualunque domanda scomoda viene cassata senza pietà. Qui no: a parte le dovute eccezioni (non sono ammessi gli attacchi personali e gli spot pubblicitari evidenti) non viene bannato nessuno e non viene cancellato nessun messaggio…
.
Quindi, caro Paperinik-Mata Hari, ti svelo (alla fine di questo lungo post) l’amara (per te) verità: il forum (non esiste più da tempo un forum di autismoincazziamoci AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2012) non è superfrequentato perché il forum non è il sito. E’ un di più.
.
Alla faccia tua e di tutti gli amici degli amici, meno male che Autismoincazziamoci c’è!!!
Advertisements
Articolo successivo
Lascia un commento

58 commenti

  1. Paolo

     /  3 luglio 2013

    Non c’è di che, in bocca al lupo

  2. valentina

     /  3 luglio 2013

    ho scritto qui, perchè nelle altre bacheche mi diceva : commento in fase di moderazione, e qui lo ha pubblicato invece, non volevo creare scompiglio, grazie dei consigli comunqe.

  3. Paolo

     /  3 luglio 2013

    Non lo so, immagino che abbia trovato strana la tua richiesta in questo blog a commento di questo post e sospetta la mia risposta. Non so tu come mai hai scritto proprio qui, a me è arrivata una notifica perché mesi fa avevo commentato anch’io, e adesso che hai scritto tu mi è arrivata una mail e sono venuto a risponderti. credo che Gianni abbia pensato ad una provocazione. Detto ciò, se seguendo la dieta a tuo nipote passano i mal di pancia e riesce a dormire bene, credo che poco importino queste discussioni.

  4. valentina

     /  3 luglio 2013

    azz. grazie mille, uff, ho sbagliato .si, ma in effetti, lui prende già il latte di riso, adesso non so se sono tornati al latte normale, perchè dovrebbero bannarti? sono solo opinioni, ognuno ne ha, personalmente non posso permettermi di mettermi in mezzo a discussioni che non conosco, solo da pochi giorni mi sto informando sull’argomenti, ed è difficile cercare di capire la verità e la cosa giusta

  5. valentina

     /  3 luglio 2013

    Paolo grazie, mi informo, scusate ma sono nuova e non sapevo nemmeno mi avesse pubblicato il commento, la notifica non è arrivata, adesso ho comprato dei prodotti senza glutine per lui, ha 2 anni e 3 mesi quasi, ho preso fette biscottate, pastina , e budini di soya. lui per fortuna mangia tutto, anzi, è un mangione, fosse per lui, non smetterebbe mai di mangiare, ma dai test metabolici non è spuntato nulla..mha, spero che mia cognata provi, anche perchè i prodotti senza glutine costano, grazie

  6. Gianni Papa

     /  3 luglio 2013

    L argomento serio è che finisci nello spam

  7. Paolo

     /  3 luglio 2013

    Vacci tu. Stavo parlando con Valentina e tu sei intervenuto. Se hai argomenti bene, altrimenti faccio volentieri a meno dei tuoi commenti.

  8. Gianni Papa

     /  3 luglio 2013

    Vai a scrivere su emergenzAutismo e levati dalle scatole

  9. Gianni Papa

     /  3 luglio 2013

    E poi il discorso prende una piega architettonica nell’aria con le mani si collega ai pianti rampicanti all’euforia da giardino ai pensili eccitanti a ornamentale destino e tutto il mondo è vicino a portata di mano sul tavolino sul ripiano su ciò che hai di più caro

  10. Paolo

     /  3 luglio 2013

    Veramente è scienza, poi basta provare per verificarlo. Io l’ho fatto per fortuna. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3540005/

  11. Gianni Papa

     /  3 luglio 2013

    Questo a voler prendere per buona la vostra buona fede

  12. Gianni Papa

     /  3 luglio 2013

    Voi siete sicuramente completamente folli

  13. Paolo

     /  3 luglio 2013

    Si, la maggior parte dei bambini con la dieta acquisisce in breve tempo una maggiore attenzione, un miglior contatto oculare e migliora il sonno. Dipende anche dall’età del bimbo, se è ancora molto piccolo i risultati si vedono più in fretta. In mio figlio che ha iniziato a 2 anni, dopo 10-15 giorni si vedeva già la differenza. Un’altra famiglia della mia città ha ottenuto gli stessi risultati in un bimbo di 3 anni. Un’altra con un figlio di 6 ha avuto meno risultati ma aveva l’intestino mal messo, addirittura con parassiti visibili nelle feci, e stanno lavorando per migliorarne la situazione. Ma almeno sono passate le diarree ed è diventato autonomo in bagno.

  14. valentina

     /  3 luglio 2013

    scusate, quindi da quello che leggo , una dieta senza glutine e lattosio aiuta a migliorare l’attenzione del bimbo autistico?mio nipote ne è affetto e di notte piange e si contorce come l’esorcista, mi sto anche informando meglio su ABA che a Torino pare che sia oggetto di una caccia al tesoro, non vedo come mai, dato che il tesoro lo sborsiamo noi, per quanto riguarda i medici, abbiamo dovuto mandarlo a Milano per farci dire qualcosa id serio, Dio solo sa quante stronzate hanno detto qui, lo hanno massacrato di aghi, punture e infangato tutto e tutti, da denuncia!!!!! era tutto sbagliato, ma noi ovviamente ignoranti in materia , stavamo a bocca aperta e dire si con la testa

  15. loredana nave

     /  2 luglio 2013

    @Pepernik
    Ho scrittto di non avere più 20 anni ( ne ho 32). Per qualsiasi spiegazione sono qui.
    Cordialmente
    dott.ssa Loredana Nave

  16. jhonny s.

     /  8 novembre 2012

    Dott.ssa Nave,
    visto che lei si è presentata in rappresentanza di tutte le assistenti (mute) del dott. Borghese, credo che lei possa tornare a frequentare altri siti (vedi AP), altri blog e altri forum, come quello di logopedia monopolizzato appunto dal dottore e dal suo staff, che purtroppo hanno accalappiato me e mia moglie tanto tempo fa, facendoci perdere soldi e tempo prezioso.

  17. Paperinik

     /  7 novembre 2012

    Scusa Loredana, ma se non hai più di vent’anni , sei giovane ed hai poca esperienza per poterci raccontare come funziona, soprattutto lo si evince dal fatto che pensi che l’autismo nasca da una psicosi.

  18. Enzac

     /  7 novembre 2012

    Anch’io ho avuto la medesima esperienza di jhonny s. col dott. Borghese ,e penso esattamente le stesse cose dette nel commento precedente. Inoltre vorrei dire alla dott. Nave che con le sue parole e con la descrizione del modo con cui pensano di diagnosticare l’autismo ha quasi dato conferma a tutte le nostre critiche, secondo me.

  19. jhonny s.

     /  7 novembre 2012

    Gentile sig.ra Loredana, sono jhonny padre di un bimbo che, come già detto, immediatamente dopo la “visita” del dott. Borghese, fu diagnosticato come affetto da “autismo infantile” con punteggio pesantissimo al test Ados e immediatamente riconosciuto come minore invalido con necessità di assistenza continua, con relativo riconoscimento dell’indennità di accompagnamento. Non so se lei e il dott. Borghese conosciate l’ados, test assolutamente affidabile che indaga in modo assai scrupoloso, scientificamente validato a livello internazionale e che, grazie ai suoi 4 protocolli, consente di individuare l’autismo in tutti i soggetti, dai bimbi non verbali agli adulti ad alto funzionamento. Mio figlio all’epoca aveva 4 anni e, come lei forse dovrebbe sapere, l’autismo si manifesta sempre entri i 30-max 36 mesi; nessun bimbo diventa autistico a 4 anni. Mio figlio non era a diguno di terapie, facevamo un intervento di logopedia e psicomotricità (voluto da noi perchè l’asl non ci passava neanche quelle) sulla base di una pseudo-diagnosi farlocca, fatta dai servizi territoriali senza somministrazione di alcun test, di ritardo di linguaggio con disarmonia evolutiva.Ci eravamo rivolti al dott. Borghese perchè si spacciava per esperto di autismo, fornendo in rete addirittura il suo numero di cellulare e dichiarandosi disponibile a diagnosi certe e a proporre un intervento mirato ed efficace.Non abbiamo trovato nulla di tutto ciò, in compenso di soldoni ne abbiamo lasciati parecchi. Successivamente alla diagnosi giusta, abbiamo finalmente trovato la nostra strada, ossia l’aba (fatto dalle aba-danti), anche se in ritardo, con fatica e di tasca nostra, come del resto accade a tutti. Riguardo alle visite accurate di Borghese, non durano un’ora e mezzo e comunque non capisco cosa c’entri la durata. Preferisco un medico che in 5 minuti mi fa la diagnosi giusta, piuttosto che uno che mi tiene dentro 2 ore per sbagliare la diagnosi con grandi doti comunicative. Per non parlare della dieta (rigidissima) prescritta da un foniatra (!) senza che il bimbo fosse stato sottoposto ad esami del sangue. La invito alla lettura delle linee guida internazionali e nazionali in materia di autismo (anche quelle emanate da molte regioni sono ben fatte!) per farsi un’idea di cosa sia, come si diagnostichi e come vada trattato un disturbo dello spettro autistico. E per capire che nessuno può permettersi di parlare di ex-autistici, soprattutto non avendo in mano uno straccio di prova che lo dimostri.
    Con rispetto e cordailità.

  20. loredana Nave

     /  7 novembre 2012

    Cara signora probabilmente sono una di quelle assistenti mute di cui lei parla, anche se ahimè non ho più 20 anni, ma posso parlare a nome di tutte loro. Quello che lei considera mutismo è osservazione, quella che lei considera superficialità non è altro che una grandissima esperienza nel campo.Ribadisco la mia opinione assolutamente positiva sul professionista Massimo Borghese, da cui si può solo imparare in tema di autismo. Se a quel tempo non le fece diagnosi di autismo ma di ritardo della comunicazione, con tutta probabilità è perché non era ancora nello spettro ma si trovava in un’area di confine ( perché l’autismo può esordire come un ritardo della comunicazione, come una psicosi come sindrome Adhd e progredire rapidamente in maniera subdola soprattutto se si ritarda nell’intervento!)
    Che età aveva suo figlio? Quanto tempo si è perso a cercare una “scrupolosa indagine psicodiagnostica” invece di intervenire tempestivamente? Il tempo è prezioso ed è assolutamente necessario riuscire a neutralizzare i primi sintomi più eclatanti. Per quanto riguarda i 200 euro di cui parla ( e questo mi sembra davvero inopportuno), dovrebbe per onestà dire anche il tempo che il dottore le dedicò in visita…le sue non sono visite ma delle vere e proprie lezioni, aperto ad ogni tipo di domande che lui con grandi doti comunicative riesce a chiarire sempre in modo esaustivo e che non durano mai meno di un’ora e mezza….conosco medici che prendono gli stessi soldi in dieci minuti, massimo un quarto d’ora.
    Con rispetto e cordialità
    dott.ssa Loredana Nave

  21. jhonny s.

     /  19 giugno 2012

    Il dott. Borghese non è un esperto di autismo tanto che non sa neanche diagnosticarlo. Nel mio caso, in base a una superficialissima osservazione, fatta su due piedi con di fianco un’assistente muta che avrà avuto 20 anni, si permise (al costo di 200 euro) di dirmi che il bimbo non era autistico e non rientrava neanche nello spettro. All’epoca ero in attesa di un ricovero in un centro specializzato dove mio figlio, pochissimo tempo dopo, venne diagnosticato immediatamente come autistico (ados, cars, pep 3…) senza alcun dubbio, e la diagnosi venne poi confermata da un altro centre all’insaputa della diagnosi di autismo che c’era già. Immediato il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento. Per difendersi dalla sua superficialità, Borghese dice che varie patologie hanno sintomi comuni per cui fa presto, quando sbaglia clamorosamente, a dire che per lui il bimbo era un adhd con ritardo di comunicazione, non sapendo forse, che ciò che un medico dovrebbe fare, laddove ci sono sintomi comuni a più patologie, è una scrupolosa indagine psico-diagnostica per poter appunto fare una diagnosi differenziale rispetto ai disturbi presentati.
    Ma la diagnosi per Borghese non conta, visto che poi tanto la direzione è la stessa per tutti: le sue full immersion (a costi che strozzano le famiglie) laddove le sue logopediste sono disponibili, ossia magari una-due settimane al mese per poi stare a digiuno assoluto di terapie quando la sua organizzazione prevede che le ragazze si trovino da un’altra parte. E le tutor ABA? Per lui sono aba-danti… Complimenti!
    Aggiungo che ci sono dentro ormai da anni, che ho conosciuto specialisti validi e onesti e che ho potuto constatare che Borghese, né il suo “metodo” godono di alcuna credibilità. Mai riporterei mio figlio a piangere a 60 euro all’ora.
    Riguardo agli ex autistici, è inqualificabile che si permetta di usare questi termini solo perché un bambino è approdato alla verbalità, che poi sappiamo tutti si manifesta con caratteristiche ben particolari, perché l’autismo rimane nella loro testa, anche se i miglioramenti possono portare un soggetto ad apparire quasi indistinguibile (in casi ben rari). Ma in questo caso parliamo di alto funzionamento, non certo di ex-autismo.
    Io ho chiesto anche a Beba di conoscerli questi ex autistici di Borghese ma non ne ho avuto l’onore. Perché non mettete in rete i loro certificati? Di prima e dopo, naturalmente, rilasciati da un servizio pubblico, con tanto di commissione medico-legale che toglie la pensione.
    Riguardo al commento successivo, su EA, noto che in questo blog sono dunque tornati all’attacco quelli che erano i primi competitori di gianni papa: era ora, basta parare solo di psicanalisi, sono ancora in piena attività questi amici così disponibili e comprensivi che prosciugano la mente e il portafoglio delle famiglie. Non dimentichiamolo, per i genitori dei neo-diangosticati!!

  22. Paolo

     /  18 giugno 2012

    Ciao a tutti, sono purtroppo appena entrato nel mondo dell’autismo e mi sto informando il più possibile, quindi sono capitato sui vari siti/forum qui citati e spesso criticati. Devo dire che ho un po’ di confusione in testa. Cos’è che non va in emergenzaautismo? Leggendo il forum ho avuto anch’io una immediata antipatia per fromitaly, ma al di la di questo ho trovato tante esperienze e informazioni interessanti. Le critiche che si fanno qui sono riferite a chi gestisce i forum o ai contenuti?
    Comunque come tutti i genitori nei primi giorni siamo in quella fase in cui si cerca di aggrapparsi a delle speranze, però mi piace comunque farmi delle domande e sentire pareri fuori dal coro. Il problema è che qui non riesco a trovare spiegazioni su:
    – perchè la chelazione è una stronzata?
    – il biomedicale non serve a nulla perchè?
    Le ricerche dell’ARI ho letto che hanno evidenziato accumulo di metalli pesanti nei bambini autistici, difficoltà ad espellerli e quindi accumulo nel cervello e nel sistema nervoso. Sono notizie false? Le testimonianze di successo sono false?
    Dieta senza glutine e caseina: ho ascoltato 1 ora di video dove il dott. Nicola Antonucci spiega molto bene i meccanismi metabolici biochimici ecc che sembrano provocare gran parte dei sintomi dell’autismo. Dopo un po’ di giorni di informazione abbiamo deciso di cominciare la dieta senza attendere la visita di Antonucci e gli esiti degli esami. Posso capire che un genitore al più piccolo segnale si riempie di speranza, ma giurerei che il mio piccolo abbia migliorato di gran lunga l’attenzione, è più sveglio e siamo al 6 giorno di dieta. Mia moglie senza accennare nulla alla maestra dell’asilo, ha chiesto come è andata la settimana. Quando hanno detto che l’hanno trovato più sveglio, che ha cominciato ad interagire con altri bimbi, che è migliorata la socialità, e se penso che è passata solo una settimana, beh, mi pare che sia una strada da continuare a percorrere.
    Però mi piacerebbe sapere di più sulle opinioni opposte. Perchè è inutile o stupido nel seguire questo tipo di dieta?

  23. loredana Nave

     /  11 giugno 2012

    Aggiungo un’ulteriore cosa…il dottor Borghese parla di ex autistici in termini di estinzione dei sintomi più rilevanti che caratterizzano questa patologia, tra cui l’ assenza del linguaggio o le stereotipie. Non ha mai parlato di miracoli…lì andiamo in altri settori.
    Purtroppo c’e’ di vero che a molti dà fastidio la sua professionalità e la sua estrema competenza in questo campo…le sue diagnosi danno fastidio ma diagnosi precoce significa anche intervento precoce, significa non perdere un tempo prezioso. Addirittura apprendo da questo forum che dà fastidio il suo parlare di ex autismo. Non ci si accontenta davvero mai!!

  24. loredana Nave

     /  11 giugno 2012

    Conosco il dottor Massimo Borghese da 10 anni, ho seguito i suoi corsi, letto i suoi libri , assistito alle sue visite e alle terapie…in poche parole, sono stata testimone non solo dei numerosissimi miglioramenti dei bambini che ha preso in carico ma soprattutto della sua immensa onestà, intellettuale e spirituale. Massimo Borghese è un dottore che conosce l’autismo nella sua interezza e nella molteplicità dei suoi aspetti…le sue parole non sono mai dette tanto per o addirittura come qualcuno insinua per fare del business…sono frutto di anni e anni di studio, osservazione e interventi terapeutici mirati e differenziati da caso a caso.

  25. eva maggiorelli

     /  6 aprile 2012

    su questo concordo, anche al centro dove va mio figlio ce ne sono diversi di ragazzini diventati ad alto funzionamento, ma nessuno si sognerebbe mai di venderli come guariti. Solo le mie figlie quando li vedono obiettano che i dottori hanno sbagliato…ma hanno 10 e 5 anni!
    ma all’epoca ero più ingenua e comunque ci avrei messo la firma per arrivare a quei risultati ( e ce la metterei ancora…)

    comunque a parte Borghese, una logopedista brava che applica principi comportamentali e coinvolge la famiglia rendendo intensivo il lavoro sarebbe già un buon aiuto per moltissime famiglie

    Buona Pasqua a tutti
    eva

  26. jhonny s.

     /  5 aprile 2012

    però da altre parti, eva, non mi risulta che i medici spaccino questi casi di miglioramento come guarigioni o li utilizzino per fare pubblicità ai propri centri (a parte EA e alcuni altri alternativi). Anche io ho conosciuto bambini all’apparenza non autistici, o perlomeno con lievi problemi comportamentali e di linguaggio, ma i loro genitori non li spaccerebbero mai come ex autistici e non si lascerebbero usare per promuovere un metodo. Ma io ribadisco che, a mio parere, il metodo borghese non esiste; è un mix costoso di logopedia, aba e biomedico (si prende un po’ qua e un po’ là che male non fa) nel quale, tra l’altro, l’approccio con i bambini è molto discutibile. Mi fa comunque piacere per te che abbia giovato, io di certo non lo rifarei. Tra l’altro con noi parlò male dell’aba definendo le terapiste aba-danti.

  27. eva maggiorelli

     /  4 aprile 2012

    francamente anche a mio figlio ha giovato, in un anno è passato dalla parola frase a frasi complete di 5 o 6 termini e ha imparato a leggere e scrivere.

    poi eravamo arrivati ad un punto morto e siamo passati a fare aba.
    Da allora mi sono resa conto meglio di molti limiti di quell’intervento, ma direi una bugia se dicessi che con n. non ha funzionato. tutto sommato io ci ho sempre visto più elementi di continuità che di contrapposizione, forse perchè anche il ns. intervento aba è un po’ casalingo e rabberciato e sempre come dire molto guidato dalla sottoscritta…

    quanto agli ex autistici io ne conosciuti diversi che venivano al suo centro a Napoli, all’epoca mi facevo molto impressionare, ora con il senno di poi mi rendo conto che si trattava per lo più di ragazzini diventati ad alto funzionamento o con diagnosi un po’ incerte fin dall’inizio.
    Cosa non rara anche da altre parti

  28. jhonny s.

     /  4 aprile 2012

    Ma per carità… lascia perdere. Ti dico solo questa, anni fa ci volevano 600 euro per fare 10 ore a settimana della sua logopedia: quante ore di aba che ci avrei fatto!!! E con noi sbagliò perfino la diagnosi, dicendoci che il bimbo non era autistico (poi diagnosticato come autismo medio-grave).
    Comunque se trovi qualcuno che abbia avuto giovamento dalla sua terapia (a parte la solita Beba) ti prego fammelo sapere così mi tiro sù di morale e non ripenso ai pianti che si faceva mio figlio, e soprattutto dimmi se riesci a scovare qualcuno dei suoi ex autistici. In ogni caso, attenta alle diete rigidissime prescritte da un otorino senza controllo medico.

  29. sarah

     /  3 aprile 2012

    qualcuno conosce metodo massimo borghese e la sua efficacia?

  30. mammam

     /  2 ottobre 2011

    Ciao Gianni,
    io faccio parte da tempo di EA. Anche se mio figlio non fa la dieta e non segue il biomedico, non sono mai stata bannata nè aggredita. Se un altro genitore mi dice che il figlio ha fatto la dieta ed ha funzionato, perchè dovrei attaccarlo?
    Nessuno ha mai detto che la dieta funziona per tutti e sempre viene ribadito che NON ci sono certezze, nessuna.
    Quanto a frommy, lei mi ha aiutato a trovare l’associazione (ottima) che segue mio figlio e con ciò ha determinato una svolta positiva nella sua vita. Quando le ho scritto, mi ha sempre risposto e mi ha anche confortato e incoraggiato. Questo, credimi, è fondamentale. Un genitore nelle nostre condizioni ha bisogno anche (e in certi momenti soprattutto) di questo.
    Se vogliamo essere proprio pignoli, neanche ABA funziona per tutti, purtroppo.
    Quanto ai bambini “guariti”, dobbiamo metterci d’accordo con le definizioni. Autistico non significa sempre disabile, ci sono condizioni in cui con l’autismo si può convivere. Se un ragazzo che va a scuola senza aiuto, ha amici, ha interessi io lo definisco guarito, allora è guarito.
    Il suo cervello, se era autistico, può benissimo esserlo ancora, oppure no. Non lo sappiamo. Cosa importa?
    Questi casi ci sono e per fortuna sono sempre di più. Conosco bambini che sono migliorati e sono arrivati a questo livello.
    Io vorrei che ci concentrassimo su questo.

  31. Gianni Papa

     /  22 gennaio 2011

    e comunque – cara Amelia – perché il vostro AP tanto illuminato non ha fatto nemmeno un cenno lontanissimo al “campanaro”?

  32. Eye of the Beholder

     /  21 gennaio 2011

    “Vabbè Amelia, allora crediamo pure ai maghi e alle fattucchiere…”

    C’è una cosa che mi gira in testa e non riesco a prendere. Nemmeno Fromitaly su EA accettò S.Giordano Bruno Martire come user name. E’ una stronzata, eh, lo ammetto, non dovrei nemmeno perdere del tempo per una cosa del genere, ma portali che danno spazio a personaggi che non hanno mai dimostrato nulla poi si preoccupano di un user name. Sono io sicuramente limitato, ma ‘sta cosa proprio non la capisco. La moglie di Jhonny s. è arrivata agli antidepressivi per colpa di informazioni farlocche ricevute da genitori che non hanno alcun titolo per consigliare nulla in campo medico, non per colpa di un user name sgarbato. Io e mia moglie eravamo convinti, visto che ce lo diceva con insistenza un utente di EA, che l’autismo fosse curabile, e abbiamo pure fatto pubblicità a dieta e affini. Cos’è più offensivo, pubblicizzare false speranze o S.Giordano Bruno Martire?

    P.S.
    Viva Giordano Bruno!!!
    😉

  33. Gianni Papa

     /  21 gennaio 2011

    Vabbè Amelia, allora crediamo pure ai maghi e alle fattucchiere… tanto chiunque è libero di scegliere qualunque cosa.

  34. @Eye non ci sono problemi abbiamo chiarito 🙂

  35. L’intelligenza di un individuo sta nel rispettare le scelte dei genitori e non se scegliere se un informazione va bene oppure no il genitore si può pure lamentare di quella notizia ma è LIBERO di farlo, ma se un genitore che segue quella metodica va bene e il sito informa su quella metodica o l’esperienza di quel genitore chi sono io per mettere il bavaglio di fronte all’informazione? Certo la si può anche non condividere ma ognuno sceglie per se perchè ogni bambino è diverso da un altro e noi ci informiamo di tutto poi sta a me genitore e non all’amministratore di un portale di scegliere ciò che è giusto per mio figlio. Io come amministratore scelgo di informare poi se a voi non sta bene mi dispiace rispetto il tuo punto di vista ma non lo condivido e civilmente te lo dico senza problemi. Ora scusami ma devo lavorare con mio figlio a presto

    Amelia

  36. Eye of the Beholder

     /  21 gennaio 2011

    @Amelia
    “mettere il nome di un santo non mi sembra corretto”

    Bruno è stato condannato al rogo dalla Chiesa, per questo io (MA SOLO IO!) l’ho fatto santo e martire, per ricordarmi che ci sono sempre molteplici punti di vista.
    S.Giordano Bruno Martire è il più bel nick della storia di internet, ma se ti ho offeso chiedo pubblicamente scusa.
    C!

  37. Autismo Incazziamoci

     /  21 gennaio 2011

    Ciao… l’avvertenza che fate nel vostro sito è del tipo:
    “Noi parliamo anche della mafia perché la Mafia esiste, mica possiamo negarlo. Poi sta a ciascuno scegliere se affiliarsi alla mafia o meno”.
    Non è molto intelligente non scegliere se essere contro le baracconate o meno. Non scegliere significa essere complice.

  38. Ah un ultima cosa andrò a leggere sicuramente i vecchi post

  39. @Eye of the Bolder Ti rispondo semplicemente che il nome non è consono, in ogni forum che si rispetti c’è un regolamento su AP c’è il nostro regolameno iscriviti con un nome “normale” e non avrò nessun problema ad accettarti (mettere il nome di un santo non mi sembra corretto).

    @Gianni se tu leggessi bene nel nostro portale visto che evidentemente vuoi leggere solo quello che più ti aggrada ti scrivo l’avviso che abbiamo messo per tutti che puoi trovare sulla sinistra del nostro sito e che è li da ben 5 anni : Le informazioni contenute nel sito Intendono semplicemente evidenziare che l’autismo è una patologia complessa ma trattabile.
    E’ di fondamentale importanza farsi seguire da un medico con specifiche competenze, ed evitare il ricorso al fai da te. I trattamenti farmacologici, in particolare quelli utilizzati per la chelazione (qualora questa si rivelasse necessaria), sono potenzialmente molto pericolosi. Usati in maniera non corretta potrebbero arrecare gravissimi danni alla salute del vostro bambino.
    Si declina ogni responsabilità per l’uso non corretto delle informazioni ricevute

    Come puoi leggere tranquillamente non diciamo ai genitori ” Si la chelazione è OK la imponiamo per forza o non farai parte del nostro clan!” Se un genitore ritiene opportuno farla la fa non sarò ne io ne tu a fargli cambiare idea e se il genitore si trova bene con la chelazione sta sicuro che continua il tuo pensiero o il mio non lo scalfiranno di una virgola. Ma pensi veramente che i genitori sono degli idioti? Ci vorrebbe una analisi comportamentale pure in questo senso.
    Se in un sito come Ap come faccio io essere umano a stabilire cosa è corretto? Le opzioni sono due o mi faccio pagare e faccio tanta di quella pubblicità e non me ne frega niente di quello che mi dicono gli altri, oppure metto le notizie in base alle esperienze dei genitori e se mi attaccano il sito perchè mi dicono che sono di parte mi incavolo. Quindi se io opto per la seconda opzione, se io scelgo di dar voce ai genitori che fanno terapie differenti dall’ASL sia a livello biomedico sia a livello comportamentale sbaglio perchè do retta solo ad alcuni genitori? Se io non mi trovo bene con un protocollo lo dico non ho problemi a farlo ma perchè dovrei creare un sito di censura? E’ bello far stare zitti gli altri tutti siamo bravi in questo nemmeno tu Gianni credevi nell’ABA a suo tempo ti ricordi e benchè io non la facessi ti dissi che i genitori mi parlavano bene di questa terapia, tu l’hai provata come hanno fatto tanti e tanti genitore HAI PROVATO e ti sta andando bene ed oggi decanti tanto la terapia comportamentale ma continui a fare sempre lo stesso errore che è quello di giudicare le scelte dei genitori, non mi meraviglio che poi gli altri litigano con te , ricordati come ti ho detto in privato il rispetto viene prima di tutto, se io genitori voglio fare una terapia per mio figlio e voglio spendere soldi non sono cavoli tuoi, se la terapia funziona io continuo se non funziona la lascio ma non saranno le tue parole che devieranno ciò che ho scelto. Il genitore deve essere lasciato libero di scegliere non insultati perchè non fa A oppure perchè non ha scelto la terapia C. Tu per tuo figlio hai scelto tu nessuno ti è venuto a dire niente ed ora perchè tu tappi le ali ai genitori che vogliono fare una scelta?

    P.S Bravo scrivi bene il napoletano 😉

    Amelia

  40. Eye of the Beholder

     /  21 gennaio 2011

    Lo so che chiedo troppo ma qualcuno potrebbe farmi un riassunto di come la figlia di Beba è uscita dall’autismo? Inoltre, visto che alcuni admin sono qui, ieri mi sono iscritto ad AP ma mi deve ancora arrivare la conferma finale, il mio nome utente è S.Giordano Bruno Martire. Chiedo solo se ho fatto tutto giusto perchè ad oggi non mi è ancora arrivato nulla. Grazie;-)

  41. Gianni Papa

     /  20 gennaio 2011

    Ame’, je te vogghiu bbene, ma una mia amica che è venuta sul vostro forum mi ha detto che si fa un gran parlare di chelazione. Dare informazioni false e pericolose in nome del “volemose bene” non è propriamente corretto: è importante sapere sempre bene da che parte è il bene e da che parte il male.
    https://autismoincazziamoci.org/wp-content/uploads/2010/11/EDUCARE-OPPURE….pdf

    Sono d’accordo che c’è bisogno del massimo rispetto di tutti verso tutti e di unirsi per le cose che contano (come quella dei diritti dei nostri figli, tanto spesso calpestati), ma lasciati dire che non ti devi sentire offesa leggendo la verità, cioè che autismoparliamone dà pari dignita al Bene e al Male.

    p.s. Chiaramente sto “berlusconizzando”: non esistono il bene e il male… esistono approcci scientificamente sbagliati e altri scientificamente plausibili. Se in un sito non si indica nemmeno che la chelazione è una stronzata, c’è qualcosa che non va.

    p.p.s. Riguardo al fatto che avrei offeso tutti su AP, vatti a rileggere la discussione e vedrai che non ho offeso proprio nessuno. Basta che fai una ricerca nei vecchi messaggi del TUO forum.

  42. Gianni posso dire che adesso il sito è ufficialmente di mia proprietà (nel senso che corrispondo io legalmente le sorti del portale) Ho eliminato alcune cose per il semplice fatto che alcune board interne mi sembravano inutili e con la prima presentazione di AP si cercava di pubblicizzare qualcosa o qualcuno. Così ho pensato di cambiare lo stile di apertura del portale affinchè il genitore si informa e decide da SOLO (e non veicolato) cosa vuole fare. I figli ognuno li gestisce come vuole e non è certamente AP che andrà a dire a quel genitore cosa deve fare c’è tanto materiale da leggere figurati se andiamo a imboccare i genitori che non sono assolutamente degli idioti nel prendere le decisioni per il proprio figlio. E’ vero sono stata lontana dal portale per quei problemi familiari di cui ti ho parlato e informandomi mi è stato detto che sul sito offendevi tutti (ovviamente voglio sapere anche la tua) forse se ci sarei stata io avrei cercato di farti ragionare o ti avrei affrontato dicendo la mia come ho fatto con la prima risposta. Ho solo capito una cosa che c’è stato un bel polverone quando me ne sono andata e di questo me ne dispiace tantissimo perchè è l’ennesima volta che vedo muro contro muro dei genitori… e sinceramente ne ho le tasche piene di metterci col mitra in mano ogni volta che un genitore dice pensa o fa qualcosa. La dimostrazione della linea del portale te l’hanno descritta a chiare lettere Nello ed Eva il MIO portale (visto che adesso è mio a pieno titolo) è come lo hanno descritto Nello ed Eva ed ha intenzione di rimanere così. Se poi verranno apportate altre modifiche lo faremo al solo scopo di aiutare i bambini e basta.

    @per giorgio bianco: io non urlo non fa parte di me, al massimo posso eruttare ma lo faccio per cose più serie di queste e che riguardano i bambini credo che sia un esplosione molto più appropriata invece di scannarci come i bambini all’asilo
    Amelia

  43. Sei fantastico !! hai anche fatto i compiti, anche se sullo stampo psicodinamico non sono d’accordo.
    Mi sembra inoltre che tu confonda il concetto di disponibilità con quello di familiarità … ma lo sappiamo entrambi che ti piace fare il bullo.
    Comunque, sia la mia mail che il mio telefono sono reperibili sui contatti di AP ( tu la mail ce l’hai già ) e poi abiti anche vicino quindi puoi tirar su il sedere e venire a dirmi in faccia tutto ciò che pensi, dato che a quattrochi ci si capisce meglio e certi particolari come la boria sono un tantino più difficili da esternare non protetti da una tastiera .

  44. Gianni Papa

     /  19 gennaio 2011

    @Beba: perchè cerchi di far passare una familiarità tra me e te che non esiste? Non conosco la tua email se non per certe email di spam che purtroppo mi arrivano. Tantomeno conosco il tuo numero di telefono. Nè conosco la tua faccia.

    Tu – per me – sei una Fromitaly con appena un po’ di cultura (cultura “sbagliata”: da psicologa psicodinamica), ma resti pur sempre una Fromitaly… e mi dispiace che “Vesuvio” continui a sopportarti nel suo sito, perché sei tu che ne rovini la reputazione.

  45. Un po’ in ritardo ma qualche parola senza retorica la voglio scrivere anch’io ;
    dopo tanto tempo noto con rammarico che si ribolle sempre la stessa minestra , anche i toni non sono cambiati … Mi dispiace perchè la frustrazione e la rabbia non portano da nessuna parte, avere un figlio con autismo non è cosa facile da gestire , vivere e metabolizzare , tutti noi dal primo all’ultimo ,lo sappiamo anche troppo bene .
    Come sempre, se vuoi parlarne, la mia porta è aperta , basta che mi scrivi o mi chiami .
    Beba

  46. eva maggiorelli

     /  19 gennaio 2011

    quoto nello al cento per cento.
    non solo su Ap ma anche su gca, che pur con i suoi enormi difetti mi ha informato per primo su aba e mi ha permesso di conocere genitori che mi hanno enormemente aiutato (quasi tutti poi fuorisciti….) e con cui ho costruito una vera amicizia.

    eva

  47. Nello

     /  18 gennaio 2011

    Cara Amelia, che periodo bello abbiamo passato su AP. Ci siamo rispettati, aiutati e siamo “cresciuti” insieme nell’accompagnare i nostri figli. Ognuno con vie diverse, ma tutti con grande accettazione e rispetto. E che risate che ci siamo fatti, ricordi? Non abbiamo parlato mai male di nessuno, anche se il nostro pensiero è sempre stato chiaro per tutti. Chi vuole, può andare a rivedersi i post…
    Poi ci siamo allontanati, ed il portale senza di te non è stato più lo stesso. Siamo andati via, quasi contemporaneamente. Tu prima, io subito dopo ed altri dopo ancora. Chi non ha vissuto quel periodo con noi, non può capire …
    Ricordo ancora quando ci siamo visti a casa tua, le risate … le carte, il materiale di lavoro: solidarietà!!! Abbiamo fatto anche di più, abbiamo messo i nostri numeri di cellulare in una parte del sito (ci sono ancora?), li lasciavamo accesi anche di notte. Ricordi, quella telefonata drammatica che ricevetti all’una di notte e ti chiamai sgomento subito dopo? Mamma mia che periodo!
    I siti, i portali ed anche (direi persino) questo blog di Gianni, hanno un senso: forniscono un punto di vista sull’autismo. Ma nessuno, a mio modesto avviso è riuscito a fare come noi allora: numeri telefonici di genitori che avevano scelto vie diverse per l’educazione dei propri figli autistici, a disposizione dei nuovi arrivati. Tutti lì.
    Non è che siano mancati i momenti di frizione, per carità, anche forti. Poi però c’era un limite dettato dal non voler rompere quello che con fatica avevamo creato. E l’amicizia rimasta intatta nonostante ci siamo quasi persi per strada …
    Questo è stato AP per quasi 2 anni. E’ giusto testimoniarlo a chi non lo sa!!!
    Ma voglio anche dire qualcosa in più. Il primo sito che ho incontrato prima ancora della diagnosi di mia figlia fu genitori contro autismo. Fu il primo posto dove ho letto la parolina magica ABA. C’era tanto materiale interessante. Il forum mi rese immediatamente chiaro che non avrei mai fatto il DAN per mia figlia. Ma è innegabile il merito di quei genitori nel tradurre materiale sul comportamentale che alimentava la speranza di poter educare mia figlia con qualche chance di migliorarla. Ancora oggi, siti legati ad Emergenza Autismo fanno cose utili per tutti noi, cito Io cresco, e di questo li ringrazio.
    Nello

  48. giorgio bianco

     /  18 gennaio 2011

    ah scusate ho sbagliato il vesuvio linka auitsmoparliamone sorry

  49. giorgio bianco

     /  18 gennaio 2011

    Ma allora, non voglio essere ossessivo, però dov’è PAperinik? Non sto scherzando, in generale per certe cose sono d’accordo con lui al 100% (per altre no per niente), in questa discussione ci manca la sua verve. Con O PAPA che gli ha dedicato il post e lo ha accostato anche all’inimitabile Mata-Hari e il vesuvio che rilinka autismoniaczziamcio ????
    VOGLIAMO PA-PE-RI-NIK !!!!!!

  50. Gianni Papa

     /  18 gennaio 2011

    EVA MAGGIORELLI HA SCRITTO:
    > la maggior parte dei bambini italiani continua a >ricevere un’ora di psicomotriicità alla settimana e ad >essere diagnosticata a 7 anni.
    >Oppure continua a vagare per i corridoi perchè >l’insegnante di sostegno non ha alcuna formazione >specifica e non sa da che parte rifarsi.
    >Di questo dovremo parlare, contro questo dovremo >lottare.
    .
    Giustissimo. E’ infatti questo lo scopo di autismoincazziamoci, oltre a quello di difendere la scienza e non censurare nessuno (o quasi).
    Dici che si ammette solo l’ABA, ma ti sbagli. Si ammette l’intervento cognitivo comportamentale intensivo e precoce… Purtroppo al momento questo è possibile solo con l’ABA e solo a pagamento.

    La famiglia Vivanti fa il bello e il cattivo tempo dell’autismo in Italia e decide cosa deve passare e cosa no. Hanno deciso che deve passare Sally Rogers e non deve passare l’ABA.
    Con tutto il rispetto per Sally Rogers, in cosa si traduce l’effetto Sally Rogers in Italia? Ho personalmente partecipato (e mio figlio ne è stato vittima, visto che la cosa ci ha fatto perdere molto tempo) a un “progetto Denver Model” insieme ad ANGSA Piemonte fatto solo per spargere fumo… promettendo ai bambini che vi partecipavano un intervento precoce e intensivo.
    Colpevoli principali: ANGSA Piemonte e Maurizio Arduino che – a quanto mi hanno detto – è stato l’ideatore dell’iniziativa (che è sfociata nel nulla più assoluto)…

    Insomma: l’ABA non è l’unica strada ma è l’unica strada percorribile. Bisogna dare questa affermazione con sincerità: non sperate di ricevere un trattamento intensivo per vostro figlio oggi e in questa nazione… dovete pagarvelo!

  51. eva maggiorelli

     /  18 gennaio 2011

    anche io avevo già risposto parlando della storia di ap, visto che pur non essendo io una delle fondatrici sono sicuramente una dei più vecchi iscritti. Ap è nato proprio per creare un luogo di confronto tra genitori al posto del luogo del pensiero unico che era all’epoca genitoricontroautismo.

    Mi ricordo le sfuriate che ho preso da fromitaly solo per avere fatto alcune semplici e ingenue domande. Mi ricordo come tutti osannavano come salvatore della patria verzella sul sito, poi a quattr’occhi tutti lo criticavano spietatamente….
    Mi ricordo le guerre tra chi seguiva il metodo Borghese e chi faceva aba… ma anche tra chi faceva lovaas o vb, per non parlare di chi osava parlare di teach o rdi che rischiava di essere denunciato per maltrattamenti ai minori….

    Su ap, pur essendoci stati momenti in cui il sito tirava più da una parte che da un’altra ( ma è chiaro che un genitore che ha visto risultati concreti tenda un po’ a mitizzare il professionista che li ha ottenuti.. è umano) invece c’era e c’è un po’ di tutto.

    Io del resto ne’ sono un po’ l’esempio perchè ho detto più volte ( e l’ho detto pure qui e se vuoi ti racconto in dettaglio la mia esperienza) che mentre la dieta è stata utile per mio figlio, il dan è stata un’esperienza negativa. Altre cose (come le terapie sensoriali…ebbene si abbiamo fatto pure quelle!) non sono servite a niente, non ho visto alcuna differenza.
    nessuno mi ha mai attaccato. ho detto pure che mio figlio ha fatto il metodo Borghese poi siamo passati a aba, ma ho detto anche che frequenta un centro convenzionato della mia città ( in cui ogni tanto Orrore! vengono pure invitati Sally Roger e Giacomo ViVANTI!)
    Pure non mi ha mai bannato nessuno. A volte la differenza deriva anche da come si dicono le cose e da come ci si pone con gli altri. Non so cosa sia successo in quel periodo, anche io come Amelia ci andavo ben poco.

    Non sono d’accordo poi quando dici che sono i professionisti a dividere i genitori ( il che potrebbe avere anche un senso nell’ottiva di raccattare i clienti)

    Purtroppo lo siamo anche noi, basta leggere le polemiche che si scatenano su questo forum o in altri.
    Qui ad es. l’unica cosa ammessa è l’aba ( ma da quello che ho letto nemmeno da molto tempo…) e pur credendo fermamente nell’efficacia di questo metodo (che mio figlio segue) trovo eccessivo il modo in cui lo si assolutizza, attaccando tutto quello che non vi corrisponde perfettamente.
    E mentre noi litighiamo la maggior parte dei bambini italiani continua a ricevere un’ora di psicomotriicità alla settimana e ad essere diagnosticata a 7 anni.
    Oppure continua a vagare per i corridoi perchè l’insegnante di sostegno non ha alcuna formazione specifica e non sa da che parte rifarsi.
    Di questo dovremo parlare, contro questo dovremo lottare.
    eva

  52. Gianni Papa

     /  18 gennaio 2011

    ciao bellissima Amelia, forse sono stato su autismoparliamone in un periodo in cui tu non eri praticante (infatti spadroneggiavano Beba, Paolo Spadaro, Lucky e Borghese). Puoi darsi che – da quando sei tornata – hai fatto piazza pulita di Bebe varie… certo che io sono stato bannato senza alcun motivo, solo perché quel certo “Lucky” si è accorto che ero quello di autismoincazziamoci.
    AP, anche se sei stata tu con tuo marito a crearlo, non è più – da tempo – il TUO sito. Il forum era occupato (non ci torno da quando mi hanno bannato) da Beba e compagni. E soprattutto, in maniera molto invasiva, – dire che lui ha il suo sito e che non è vero che si fa pubblicità è un falso deliberato – da Massimo Borghese.

    P.S.: I genitori vengono divisi da Donata e Giacomo Vivanti, Carlo Hanau, i due “massimi” Borghese e Montinari, i medici ARI di Emergenzautismo, l’oculista ARI con le figlie… etc. etc. e non certo da me.
    Come dici tu, siamo tutti sulla stessa barca.
    Quello che io voglio, però, è che agiamo tutti secondo i criteri della scienza. Se alcune scienze o pseudotali (come l’omotossicologia) non seguono il metodo scientifico e se altri “metodi” non hanno nessuna prova di efficacia, non possono – per esempio – avere lo stesso valore dell’ABA/VB che – invece – questa prova ce l’ha.
    Dobbiamo sforzarci tutti di andare avanti su un binario condiviso che è quello della Scienza e dell’Evidence Based Medicine.

  53. Per Gianni: ti ringrazio per parlare deliberatamente male di Autismoparliamone, ma per corretta informazione AP è un portale di informazione nato come hai detto tu perchè on era d’accordo con il sito Genitoricontroautismo proprio perchè all’epoca (spero che ti ricorderai) si parlava solo di DAN e ABA (fortemente contestata dall’ANGSA e oggi stranamente rivalutata chissà perchè…) inoltre sei disinformato Autismoparliamone non è il portale di Borghese, il Dottore ha un suo sito e non ha bisogno che gli facciamo pubblicità, certo ci sono alcuni genitori che effettuano la sua terapia e allora? Che facciamo imbracciamo il mitra e li spariamo solo perchè seguono Borghese? Allora io che seguo ABA/VB dovrei essere presa a sassate? Vedi Gianni fare informazione è farla a 360° nel senso che su AP si posta di tutto perchè è il genitore e non noi dobbiamo decidere un percorso di un bambino noi informiamo lo facciamo male? Pazienza miglioreremo. Un ultima cosa su Ap non banniamo nessuno e nemmeno cancelliamo i post non è da noi farlo ,solo che purtroppo non c’è stato mai nessuno tu in primis a venire su AP e a criticarci se lo avessi fatto avresti visto che tranquillamente ti rispondevamo ma non hai nemmeno scritto una riga su AP come fai a dire che siamo “bannatori?” Inoltre se un genitore vuole andar via da AP perchè il forum o il portale non interessa noi non leghiamo nessuno nè abbiamo la pretesa di avere 3000 utenti fasulli e poi ce ne sono solo 10 anzi per regolamento ogni 6 mesi noi eliminiamo le persone che non accedono nel nostro sito il genitore è “LIBERO” di scegliere , questa è la seconda volta che parli male di AP che non ti ha mai puntato il dito contro che non ha mai parlato male di te perchè in primis sei un genitore come me allora mi chiede posso capire chi è che ti manovra da dietro per attaccarci ? Perchè non credo che un genitore attacchi senza motivo un altro genitore per sfizio. Posso capire cosa ti abbiamo fatto? Non mi piace far polemica anzi detesto che ci sia polemica, il confronto mi va bene ma non mi va bene che mi attacchi come genitore per le scelte che faccio perchè mio figlio è mio e decido io non tu. Come io rispetto se tu fai una scelta diversa dalla mia , ci vuole prima il rispetto e poi ci si confronta. Non ho più nulla da dirti solo una cosa che chi disunisce i genitori non otterrà mai niente da uno Stato che per i nostri figli è inesistente figurarsi se aiutano una branca di genitori che sono divisi tra loro…. E adesso bannami pure ma quello che avevo da dirti te l’ho detto
    Se poi Autismoparliamone dà fastidio perchè dopo 5 anni inizia a diventare punto di riferimento per i genitori di notizie mi dispiace ma non posso farci niente il nostro obiettivo era ed è quello di riunire tutti i genitori con diverse terapie (anche quelle ASL che non sempre funzionano perchè non adeguatamente preparati) e di confrontarci nonostante i percorsi diversi è una cattiveria creare qualcosa del genere? Risponditi da solo io la mia risposta già ce l’ho. Un caro saluto Amelia

  54. Gianni Papa

     /  18 gennaio 2011

    Ma io non voglio arricchire: voglio andare in Paradiso…
    Comunque questo è l’unico sito senza miracoli scritto bene: perciò gli utenti non sono così pochi (non abbastanza da arricchirsi con i banner, comunque, specie dopo che mi hanno bannato da Google Adsense)

  55. Eye of the Beholder

     /  18 gennaio 2011

    “Eye: assolutamente nessuno.”

    Allora datti qualche pacca sulla spalla. E complimenti anche al passante che te l’ha segnalata.
    Purtroppo però, per quel che riguarda la tua palese volontà di arricchire attraverso i banner pubblicitari, sappi che se non parli di miracoli e affini il numero degli utenti rimarrà limitato;-)

  56. giorgio bianco

     /  17 gennaio 2011

    Ma la risposta del mitico Paperinik ?? forse è in moderazione ????
    VOGLIAMO PAPERINIK !!!!!!

  57. Autismo Incazziamoci

     /  17 gennaio 2011

    Eye: assolutamente nessuno.

  58. Eye of the Beholder

     /  17 gennaio 2011

    Per curiosità, chi altri, oltre ad AI, ha parlato del campanaro?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: