GIANLUCA NICOLETTI A OTTO E MEZZO

Advertisements
Articolo successivo
Lascia un commento

13 commenti

  1. Cicciuzzone

     /  22 aprile 2013

    Chiedo scusa mondoaspie, l’ANGSA è finanziata da freudiani e lacaniani? Intendi dire che l’ANGSA appoggia la psicoanalisi?

  2. Faccio l’avvocato del diavolo, Nicoletti se non sbaglio fa parte dell’Angsa che è finanziata da freudiani e lacaniani per cui la presenza di quello psicanalista magari fa parte di taciti accordi. La butto li cosi’, ma a pensar male ci si va sempre vicino .

  3. SoNick

     /  15 aprile 2013

    Vabbe, chiaro che ognuno ha le sue idee ed è anche giusto che le sostenga. Ma onestamente questo discorso sul peso che ricade maggiormente sulle Mamme comincia un pò a tediarmi.

    Premettendo che ogni mia osservazione è riferita unicamente alla realtà che osservo nell’ambito delle famiglie convolte nella tematica dell’autismo, ritengo sia ovvio osservare come lo stress pregiudichi l’unione nelle nostre famiglie.
    E’ un’altrettanto ovvia conseguenza il fatto che nelle nostre famiglie le separazioni siano percentualmente maggiori, ma poi ci si chiede cosa avviene dopo in un’orientamento giurisprudenziale che ancora oggi penalizza fortemente i padri ?

    Non voglio aprire qua un fronte polemico, sarebbero solo energie preziose sprecate, ma onestamente tutti questi luoghi comuni (papà assenti in fuga o mamme elettrodomestico narcise che siano) cominciano a farmi fortemente sbadigliare.

    Magari vivrò fuori dal mondo, può anche darsi, ma nel mio piccolo la realtà che osservo è un pò diversa. Siccome poi vivo a Roma, e non a Rocca Cannuccia, consentitemi di pensare che la realtà che osservo possa rappresentare in maniera sufficientemente realistica la situazione complessiva.

    Poi è ovvio che esisteranno anche padri mascalzoni (ma anche qualche mamma narciso esisterà pure) ma a mio parere tutto ciò poco influisce sui termini generali della questione.

  4. vanessa

     /  15 aprile 2013

    Non voglio sembrare pesante ma appunto voglio sottolineare come in una puntata che era dedicata ai padri (e in primis a Padre Grillo?) uno psicanalista lacaniano abbia voluto concludere citando la madre assente e narcisista, proprio quando l’attenzione era posta sull’autismo. E’ un caso? Io non credo. Riguardo ai padri che scappano, ce ne sono, eccome. Io ho conosciuto diverse donne sole, ai parent training. Tutti noi sappiamo quali livelli di stress e sofferenza dobbiamo sopportare, e quindi mi sembra inevitabile che le separazioni nelle nostre famiglie siano più frequenti che altrove. In questo blog ci sono padri attenti e molto competenti ma la verità è che nella maggior parte dei casi il peso ricade sulla madre.

  5. SoNick

     /  11 aprile 2013

    Scusatemi però. Permettetemi di dissentire da quello che sembra emergere nei vostri commenti. La trasmissione aveva come tema il padre e non l’autismo e quindi non ci trovo nulla di scandaloso al fatto che abbia partecipato anche uno psicanalista.
    Detto ciò aggiungo che secondo me ha fatto benissimo Nicoletti ad approfittare di questo spazio per promuovere le sue iniziative e per parlare finalmente in prima serata di autismo in maniera seria e ragionata.

    Per quanto riguarda poi la chiosa di Recalcati devo dire che anche se ad un’ascolto veloce può sembrare abbastanza infelice, se la si ascola meglio si noterà che si riferiva soltanto all’assenza della figura della madre nel dibattito che in quel momento si stava svolgendo nella trasmissione.
    Poco mi è piaciuto invece quando ha chiuso col discorso sulle madri narcisiste, ma non tanto perchè tendo ad escludere l’esistenza di una tale figura, ma piuttosto perchè non riesco a capirne il nesso col resto del discorso che si stava facendo.

    Ammesso che esistano veramente (e di certo qualcuna esisterà) delle mamme narcisiste, perchè allora non far riferimento anche ai padri assenti, ai padri in fuga ed ai padri peter pan ?

    Riguardo invece ai libri di recente pubblicazione che secondo alcuni enfatizzano troppo la figura del padr a discapito di quella della madre, vi ricordo che è lo stesso Nicoletti nel suo libro e in tutti i suoi interventi a ricordarci che fino a poco tempo fa era la mamma ad occuparsi quasi esclusivamente del figlio (nel mio piccolo avendola personalmente conosciuta non posso far altro che confermarlo).
    Anzi lui ci dice che ha iniziato ad occuparsi solo di recente di Tommy, visto che la moglie non riesce più a contenerlo esendo l’ex bimbo ormai diventato un “Gigante”.

    Infine consentitemi di chiudere contestando il solito cliché sui padri che scappano.
    Quanti padri di bimbi autistici scappati conoscete voi ?
    Io nessuno!
    Ho conosciuto padri attivi, padri distrutti, padri ottimisti, padri disperati a volte a dire il vero anche padri distratti (ed a volte forse anch’io lo sono stato) ma mai ho conosciuto padri scappati.

    Allora il dubbio insorge spontaneo nella mia mente:

    “non sarebbe forse il caso di smetterla con queste sterili recriminazioni di genere ed usare piuttosto le nostre energie per portare a compimento le azioni necessarie a migliorare la qualità di vita dei nostri figli?”

  6. vanessa

     /  10 aprile 2013

    Non solo c’è ancora chi crede alla madre assente ma dopo il successo mediatico di antonello e nicoletti, questa credenza è ancora più diffusa e l’ho verificato da alcuni discorsi che ho sentito fare da gente che non sapeva niente di autismo (e tuttora non ne sa niente). Franco Antonello e Nicoletti sono due padri eccezionali che si sono esposti in prima persona, dando la percezione di occuparsi solo loro dei figli mentre delle madri non si sa praticamente nulla. Purtroppo nella maggioranza dei casi sono le madri che si sbattono, che rinunciano al lavoro e a curare se stesse, che spesso si ritrovano sole perché i mariti se la danno a gambe levate alla ricerca di normalità e di nuovi figli sani.

  7. Chiara

     /  9 aprile 2013

    ….non ci posso credere….davvero ancora qualcuno dice queste boiate della madre assente…? E per di più Narcisa??? No, non ci credo….non voglio.

  8. vanessa

     /  9 aprile 2013

    Io mi sono sentita molto offesa come madre e come donna da questa trasmissione. Questo Recalcati, dopo che la Gruber gli chiedeva se nelle famiglie con disabilità occorre ancora fare un monumento alle madri, ha replicato e in pratica concluso ad effetto la trasmissione dicendo “la madre mi pare essere il grande assente fino a questo momento” per poi proseguire con le cretinate successive. In questo io ci ho visto un chiaro riferimento alla moglie di Nicoletti per poi colpire in genere la figura della madre inadeguata

  9. Raffa

     /  9 aprile 2013

    Io credo che Nicoletti stia facendo un grandissimo lavoro.
    Sta dando molta visibilità all’autismo.
    Andate sul suo blog miofiglioautistico.it e leggete nella sezione press…..
    Sicuramente non può scegliere chi siano gli altri ospiti di una trasmissione…ma non c’è stato alcun dibattito e Nicoletti ha detto delle cose secondo me valide ed interessanti.
    E’ un uomo pratico e poteva benissimo evitare di fare il suo coming out, ma così facendo sta dando voce a tanti genitori…ed anche ai nostri figli!

    G.P. tu cosa ne pensi?

  10. carla marta

     /  8 aprile 2013

    E’ uno di scuola lacaniana, un scuola che ha tanto aiutato le persone con autismo….

  11. jhonny s.

     /  7 aprile 2013

    Infatti. Io l’ho visto distrattamente in tv e non l’ho riguardato qui, ma se non sbaglio la trasmissione si conclude, guarda caso, con “…la madre qui è la grande assente” e “la madre narcisa che non allatta per non rovinarsi il seno”. Ha sbagliato nicoletti ad accettare, o perlomeno doveva chiarire che l’autismo non è di competenza degli psicanalisti.

  12. Paperinik

     /  7 aprile 2013

    Ma perché invitare, nella solita trasmissione in cui si parla di autismo,uno psicanalista di chiara scuola psicodinamica ? Io non sarei andato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: