SULL’ABA – di Kevin Nichols de la Fuentes

  Traduzione di G. Papa. Da “The goal of my life is do not tell lies“,  pp. 107-109, Metro Goldwin Mayer, Los Angeles 2010.

Con l’ABA insegni. E’ insegnamento. Non guarisci.

I professionisti sventolano, invece, come drappi rossi, davanti agli occhi dei genitori la parola “guarigione”. Anche se non la dicono, anche se la negano e fingono di essere onesti e coerenti, fanno di tutto per alimentare l’illusione (senza l’illusione il marketing non funziona).

Parlano di miglioramenti stratosferici, di bambini che hanno perso la diagnosi (bambini che in realtà hanno avuto solo delle difficoltà da piccoli senza essere mai stati autistici)…

Si perde di vista la realtà, cioè che Applied Behavior Analysis è una scienza per insegnare: non un prodotto.
Una scienza per insegnare non ha bisogno di BCBA assenti e incombenti, di supervisori che visionano filmati, che vengono due volte all’anno o anche una volta al mese a dare indicazioni su cose che non vedono o che comunque vengono riproposte in “fotocopia” e col vestito buono durante i cosiddetti workshop.

Qualunque forma di Applied Behavior Analysis costruita sulle leggi della pubblicità non è etica. Etico è cercare strade nuove per “dare ABA” alle masse senza passare per il “mercato” o creare un mercato fortemente low cost e fortemente “scientifico”.

Il mercato si basa su questo. Sulla sirena “FAI ABA PERCHE’ FUNZIONA!“. Si perde di vista la realtà per creare una realtà parallela dove possono “stupirci con effetti speciali”.

Direte voi: “Sempre meglio della psicomotricità”.

Ne siete certi? Io non ho dati che raffrontino ABA e psicomotricità a parità di condizioni (parità di preparazione degli operatori, parità di ore fruite dai bambini, setting analogo etc etc). Se un raffronto del genere fosse possibile, magari in molti casi risulterebbe più efficace la psicomotricità, perché i bambini si divertono e stanno attenti (rispetto alle sessioni a tavolino dove la loro attenzione viene catturata per un istante solo grazie a rinforzi edibili o aggeggi informatici e dove predomina il costante desiderio di fuga).

Advertisements
Articolo successivo
Lascia un commento

3 commenti

  1. luca

     /  24 giugno 2013

    come non trovarsi d’accordo con il grandissimo de la Fuentes.
    Cmq creare aspettative realistiche nei genitori sui risultati che si possono attendere e’ alla lunga una strategia di marketing migliore che creare aspettative iniziali illusorie che verranno inevitabilmente deluse.
    Gestendo un aba provider il mio problema maggiore e’ di offrire il miglior programma possibile al prezzo piu’ basso possibile (perche’ questo e’ il miglior marketing possibile) quindi se de la Fuentes ha dei suggerimenti su come fare praticamente ci faccia sapere.

  2. Marco

     /  23 giugno 2013

    Si vuole dimostrare che si e’ fatto decisamente troppo marketing e i fiori all’occhiello pubblicitari sono spesso figli di situazioni socioeconomiche e diagnostiche ottimali…. sulla base di questi spot pubblicitari CANI E PORCI si possono ingrassare…. e purtroppo non tutti guadagnano abbastanza bene da poterci filosofare sopra… quindi bisogna anche saperli leggere gli studi.

  3. mimmo

     /  23 giugno 2013

    Non capisco che si vuole dimostrare…che c’è del marcio “anche nell’ABA”? certo ed allora? c’è del marcio anche nel vaticano, nel parlamento, nella scuola…etc..etc..
    Paragonare la psicomotricità all’aba dicendo che non ci sono studi comparativi è ridicolo, anche perchè sulla psicomotricità non ci sono studi punto e basta (ci sono libri si ma studi no o forse ce ne sono ed io non li conosco questo è pure possibile).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: