L’altra faccia della luna

  Sono sempre stata una bambina “particolare”, molto timida, solitaria, con una gran passione per i libri, il disegno e per la musica.
Passione non ossessione. Suono il flauto traverso ad orecchio.
Non m’interessa sapere vita, morte e miracoli di un attore, un compositore o un pittore, le immagini parlavano ed a me quelle bastano anche adesso.
Ero molto selettiva col cibo per esempio odiavo tutto quello che diventava freddo, rosso o verde. Un piatto di spaghetti freddi erano il mio incubo.
Diventai anoressica a 11 ero talmente magra che i miei cercarono di porre rimedio.
I miei parenti non ricordano nessuna stereotipia ma momenti di risate senza motivo e nei momenti meno opportuni, lunghe cantilene, denti digrignanti e momenti di vera assenza dal mondo reale.
Assenza.
Ricordo i grandi stati ansiosi con lunghi periodi di insonnia e preoccupazione e gia’ a 5/6 anni. Gli imprevisti erano e sono una grande fonte terrore e ansia.
Insonnia.
Problemi con lo stomaco?…ormai sono abituata alle domande sul latte lattosio e derivati; sembra che debba essere una cavia o ci debba essere un perché chimico al mio essere così. Il latte di allora era munto, bollito e bevuto potrebbe esserci stato qualche episodio di problemi gastrointestinali ma dire che fosse quello ad aver scatenato il mio “essere autistica” e’ un ipotesi più che azzardata. I collegamenti sono importanti e qui collegamenti non ci sono e non ci sono mai stati.
La mia vita da bimba era un vero inferno.
Bulli.

Maestre dal giudizio sommario: svogliata, assente ed a malapena sulla sufficienza. Potrebbe fare di più.
Genitori preoccupati per la mia selettività nel cibo e infastiditi dalla mia estrema sensibilità’, dalle mie lacrime (tante) e dalla spiccata indole a dire sempre ciò che pensavo.
Il disegno, la musica e i libri sono stati i miei unici amici d’infanzia.
Mi bastava questo, era normale per me questo.
Il mio mondo è un po’ cambiato da quello dell’infanzia.
Sono un camaleonte.
Imparo velocemente anche i dialetti, i modi di fare, come si vestono le persone che ammiro ma mi sento vuota. Ammirare e’ dir poco.
Io imito.
Per la mia famiglia vi erano due sole strade da poter percorrere nella mia vita: la colf o la mamma di famiglia.
Non andavo bene in niente a scuola. Il liceo artistico era la mia unica sola strada perché non c’era matematica…come no!?
I miei voti in matematica ed italiano variavano dal 2 al 4.
Andai a lezione privata. Una ragazza fantastica con il gioco mi fece vedere un’altro modo di studiare, scrivere e calcolare.
Imparai a scrivere per frasi brevi e che la calcolatrice era un mio diritto così passai ai 7 ed ai 9.
Nelle frasi lunghe sono un disastro.
Dal liceo uscii con 54/60.
Mi fu imposto di iscrivermi all’università: lettere moderne e contemporanee.
Due anni d’inferno e di solitudine qui pensai veramente di farla finita.
Un solo un esame era un fallimento. Roma era un fallimento. Io ero un fallimento. Non capivo e non capire significava una cosa sola che non ero intelligente, brava come gli altri. Non capivo.
Poi mi iscrissi all’accademia! In un solo anno feci 6 esami e con il massimo dei voti. Imparai che le immagini erano l’unica strada per imparare e studiare.
Copio Caravaggio e Leonardo.
Mi diplomai con 100/100.
La solitudine rimane ancora oggi ma perché lego solo con chi è come me.
Non capisco i doppi sensi, sono facilmente preda di truffatori e di uomini senza scrupoli, non capisco le mode e gli scherzi. Adesso so che è facile per “noi” essere vittime di stupri e molestie.
Potrei raccontare ma non lo farò, non amo essere anche vittima di esseri che si nutrono di queste cose.
Quando cominciai a capire che forse ero diversa cominciai ad andare in internet.
MAMMA MIA QUANTE IMMAGINI E CHE MUSICA.
Posso essere tutto ma non scema.
Sono Asperger non scema!
Mi ricordo le lacrime, piansi tanto di sollievo perché io ero.
Non credo alle conseguenze di metalli, strani minerali, denti ricostruiti e vaccini avariati o volontariamente immessi nel “mercato” allo scopo di lucro, io non credo.
È una frase importante per me.
Io non credo.

La mia vita si è svolta quasi esclusivamente in campagna.
No intossicazioni, no amalgama se non ai 14 anni, no vaccini avariati.
Sono così dalla nascita, questo e’ quello che mi ha detto mia madre, mio padre, i miei zii e questo e’ quanto!
Qualcuno mi ha detto che non ho fatto i test e che quindi non posso sapere a priori. Ero in campagna, l’acqua del pozzo era controllata annualmente da mio padre. Tutto quello che si mangiava veniva dalla terra.
No diserbanti. No concimi chimici.
Sono così…se vi aggrada.
Se qualcuno pensa all’isolamento sbaglia. Non ero isolata dagli altri.
L’isolamento per me era normale e non un problema.
L’isolamento e’ un problema per gli altri.
La solitudine e’ diversa dall’isolamento.
I miei genitori li avrei voluti come la ragazza che mia faceva lezioni private.
Il gioco l’ho ritrovato nei testi dell’Autismo, sull’Autismo, nei filmati di youtube e nelle testimonianze di altre persone.
In alcuni film, non tutti.
ABA? Se avessero saputo i miei genitori avrei avuto una vita migliore quella che ho avuto.
Io sono l’aliena nel cortile.

Advertisements
Articolo precedente
Lascia un commento

6 commenti

  1. Josephine

     /  23 agosto 2013

    Cara Lady, hai tutta la mia stima, volevo solo punzecchiare il caro e dolce Gianni Papa, però se te la posso dire tutta mi sono un pò urtata nel leggere di vaccini avariati e metalli pesanti con un po’ di leggerezza, il problema esiste realmente sia che si tratti di vaccini avariati che non.
    Mamma di un bimbo danneggiato da vaccini non avariati.

  2. ostinelli giuseppe

     /  23 agosto 2013

    grandissimi … come al solito. E tu Autrice dello splendido articolo vivi e vai avanti. Sono con te in tutto.
    Grazie.
    Girgio 69.

  3. Lady

     /  23 agosto 2013

    Sig. Gian Luigi IBBA…perché? È stato già difficile scrivere.

  4. Lady

     /  23 agosto 2013

    Non sono la figlia di Papa.

  5. josephine

     /  23 agosto 2013

    sei la figlia di Gianni Papa?

  6. Salve sono il presudente di assiciazione onlus che si occupa di autismo e genitore di bambino autistico. Potrei saperne di piu. Qualche contatto ? Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: