INFORMAZIONI UTILI

Raccogliamo (e raccoglieremo), in questa pagina (CHE è UN WORK IN PROGRESS), i link ai post che possono essere utili per chiunque abbia un figlio autistico, cercando di dividerli per categorie.

Accettiamo, naturalmente, i vostri suggerimenti.

SINTESI DELLE LINEE GUIDADELL’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA’

DA FARE SUBITO

SCUOLA

ABA

Advertisements
Lascia un commento

25 commenti

  1. Seb

     /  25 aprile 2015

    Salve, sono un insegnante di sostegno di un ragazzo di 17 anni e che a giugno finirà la scuola media
    La famiglia gradirebbe la frequenza presso un istituto superiore perchè non vuole distaccarsi tutto il giorno dal proprio figlio per poi recarsi di pomeriggio, al centro dove è già seguito da anni, solo x due ore per la terapia occupazionale che attualmente fa.
    Dato che Il papà,come lavoro, confeziona bomboniere, il mio primo pensiero è stato proprio questo:solo di mattina “aiutare il papà nel suo lavoro”.
    Gradirei avere suggerimenti di percorsi idonei per poter “far uscire fuori” quelle sue capacità che sicuramente ha ancora “nascoste”.

  2. Roberto bartoli

     /  31 marzo 2013

    Cari signore e signori ho un livello 3in play worker con severo autismo e multiple disabilità ottenuto in Londra dopo 6 anni di lavoro in prima linea ……qui è tre anni che non trovo lavoro a Reggio Emilia dove se la tirano , le istituzioni, ma poi fanno ridere i polli per come le cooperative gestiscono la cosa…….andate in un e di temi cosa ne pensate…..qui mi avete fatto passare la voglia di fare il mio lavoro.basta delegare alle cooperative cose che non riescono a gestire e le USL dovrebbero cominciare a fare quello che devono fare e non assumere amici di o figli di e diplomati senza nessuna esperienza sul campo e inutile dire che sono tutti dei buffoni riguardo a l autismo sopratutto qui a Reggio Emilia che sono ancora più buffoni che altrove visto che fanno poi così tanto i ganzi….buona fortuna a tutti

  3. Gianni Papa

     /  21 marzo 2013

    Attenzione! Pubblichiamo l’annuncio della Cadei perché non censuriamo, ma la Cadei promuove la Comunicazione Facilitata, una pratica non scientifica e non utile (non abilita!) dalla quale stare ben lontani!

  4. Patrizia Cadei

     /  21 marzo 2013

    SALVE,
    SE VI INTERESSA LA NOSTRA PROPOSTA DI “VACANZE PER L’AUTISMO”, VI LASCIO I NOSTRI RECAPITI
    http://www.autismozoagli.eu
    autismo.zoagli@alice.it

  5. Nadia Scialdone

     /  20 novembre 2012

    Perdonate il ritardo nella risposta, il libro Le mappe concettuali. Omega edizioni si può acquistare anche via internet; vi basta mettere il titolo del libro e far seguire la parola “autismo”; in tal modo- se non lo avete già fatto-vi usciranno le varie case che lo stanno vendendo, alcune con una buona percentuale di sconto.
    Un caro saluto a tutti.
    Nadia Scialdone

  6. Iris

     /  7 ottobre 2012

    In risposta a Gianni Papa: certo, se ritieni pubblica pure la mia richiesta in home. Qualcosa mi lascia intendere che i commenti non saranno proprio lusinghieri….. Ma io davvero vorrei scegliere il meglio per il mio piccolino ……

  7. Gianni Papa

     /  7 ottobre 2012

    Miiiiiiiiiii… Vuoi che lo pubblichi in home così vediamo quanti ti rispondono, cara Iris? Fammi sapere… Mi piacerebbe pubblicare la tua richiesta in grande stile 🙂

  8. Iris

     /  7 ottobre 2012

    Buon pomeriggio,
    Non so se sto scrivendo nella sezione giusta, ma vorrei davvero da Voi un parere spassionato sull’operato dei consulenti Mipia, in particolare per quanto riguarda l’intervento su bambini piccoli.
    Tutti me ne hanno parlato molto bene, in particolare della dott.ssa Copelli. Noi abitiamo in Toscana, dove ho saputo che operano anche consulenti (ad es. Loredana Lembo, Denise Smith Brunetti, Linda Petretti) non inseriti in organizzazioni così strutturate. Secondo Voi, che cosa e’ preferibile, anche pensando che la terapia dovrà essere protratta nel tempo ? Vi ringrazio in anticipo se potrete darmi dei consigli.

  9. Gianni Papa

     /  7 ottobre 2012

    incontrar…ti.

  10. robibartoli@gmail.com

     /  7 ottobre 2012

    grazie Gianni ci provero’.
    spero un di’ di incontrarla

  11. Gianni Papa

     /  7 ottobre 2012

    Centro Tice Rubiera: http://www.centrotice.it/

    Penso che tu possa avere un tipo di formazione che a loro – forse – potrebbe interessare – dico “forse”: non lo so di preciso (è il centro che ha portato in Italia il modello CABAS). In “contatti”, sul sito, trovi anche i referenti a cui rivolgerti.

    Se vuoi mettere un annuncio per proporti direttamente alle famiglie, scrivi in “bacheca annunci” e non in “informazioni utili”.

  12. robibartoli@gmail.com

     /  6 ottobre 2012

    roberto bartoli, mi scuso l irruenzadi prima, dovuta al fatto che lavorare con persone autistiche e’ stata un esperienza che ancor oggi mi porto dentro e cosi’ mi so un po’ lasciat andar….
    reggio emilia e’ la citta’ in cui vivo, formazione a londra j.f.kennedy school in east becton( dai 12 anni fino ai 19 anni di eta’),barnardos in smart street per quanto riguarda l esperienza con severo autismo e altre abilita’-( sotto i cinque anni fino ai 19 anni di eta’)
    assistente in una classe dove si gestivano gli studenti ad un rapporto di 1:1 e a volte anche di piu’ in base all esigenza. sotto i cinque anni, dal lunedi al venerdi’, dalle 10 am alle 13 pm routine con canzoni e giochi ….
    corsi prima di iniziare un lavoro come educatore o comunque durante i primi mesi di lavoro.
    laboratori manuali e musicali giornalieri.
    possibilita’ di partecipare a corsi gratuiti innerenti al percorso che si sta svolgendo o anche no.
    grazie

  13. Gianni Papa

     /  6 ottobre 2012

    Roberto, hai dimenticato di scrivere dove sei e dove vai e qual è la tua formazione… non hai lasciato email nè telefono… insomma… e hai sbagliato anche pagina: devi scrivere in “bacheca annunci”

  14. robibartoli@gmail.com

     /  6 ottobre 2012

    salve a tutti sono Roberto e negli ultimi 6 anni , dal 2000 al 2006 ho lavorato a Londra in istituti con ragazzi|e sotto i 5 anni fino al 19 anni di eta’,con severo autismo e multiply disabilities. ho una qualificazione in play worker level 3 e qui in Italia non ho trovato un lavoro che si potesse definire da educatore ma come posteggiatore di persone con altre abilita’.
    mi piacerebbe tornare a far parte di un team di persone che siano sullo stesso piano dove ci sono denari per poter fare vari laboratori con esperti di massaggio ed altro in modo che poi le famiglie siano piu’ sollevate ……vabbhe’, utopia, se ancora la chiesa cattolica deve pagare una lira di imu ed altre tasse arretrate, se consiglieri comunali bruciano denari altrui, se ancora non si sa chi siano i mandanti di stragi …..ciao italietta.

  15. eva maggiorelli

     /  5 ottobre 2012

    interessa anche noi!
    si ordina via internet?

  16. Gianni Papa

     /  4 ottobre 2012

    Nadia, se me ne mandi una copia (anche digitale) te lo recensisco e pubblicizzo in grande stile (in realtà penso che mi sarebbe molto utile nel mio lavoro, perciò te lo chiedo 😛 )

  17. Nadia Scialdone

     /  4 ottobre 2012

    LE MAPPE CONCETTUALI. OMEGA EDIZIONI. Autore: Nadia Scialdone

    Sperando di fare cosa utile e gradita, indico testo in 3 volumi pratici (secondo e terzo in pubblicazione) per il bambino con Autismo finalizzato a :
    – arricchimento lessicale
    – costruzione degli aspetti denotativi (quali ad es. è un animale, ha la criniera, dorme nella, vive in oppure è un mezzo di trasporto, ha 4 ruote, serve per, è fatto di, ecc))
    – costruzione della discriminazione della domanda WH
    – descrizione
    – similitudini, uguaglianze, paragoni e differenze
    da costruirsi tramite immagini e parole utilizzate attraverso lo strumento della mappa concettuale.

    Un caro saluto a tutti.
    L’autrice

  18. mara

     /  5 aprile 2012

    Salve sono Mara neurologo per gli adulti e zia di un bambino che mi lascia perplessa. Vi spiego brevemente: ha 3 anni e mezzo, non parla se non pochissime parole (è stato muto del tutto fino a 3 anni), non ha la continenza sfinterica, è sempre perennemente in movimento e cerca di farsi del male in ogni modo (va guardato come un bambino più piccolo se no finisce sotto una macchina all’istante, senso del pericolo assente), non risponde ai comuni metodi educativi, fa scene assurde per motivi tipo “gli abbiamo tolto la giacca in casa e la voleva”, non guarda nessuno in faccia quando parla, non gioca coi coetanei, non fa gioco simbolico, cerca sempre di fare fracasso, usa i giochi in modo molto creativo. Non ha però nessun interesse ripetitivo (se non La casa di topolino) e è molto affettuoso con mamma e sorellina, proprio dolce. Io ho il sospetto che rientri nello spettro ma la mamma assolutamente no. Lei lo ha “etichettato” come bambino tremendo e disubbidiente e si è rassegnata al fatto che sia così solo per carattere (preciso che ha la pazienza di una santa).
    E non saprei da che parte cominciare un eventuale discorso…
    E’ grave un ritardo nella diagnosi? Posso proseguire l’osservazione ancora un poco prima di parlare o rischio che poi il lavoro dei terapisti sia meno efficace? C’è qualche cosa che devo ancora verificare prima di parlare dei miei dubbi? E come fare a esprimerli?

  19. roberto Bartoli 3495471797

     /  10 febbraio 2012

    buongiorno sono Roberto Bartoli e ho lavorato in Londra per parecchi anni con scuole e organizzazioni che trattavano severo Autismo e altre abilita’.
    Sto cercando un lavoro anche part-time.Al momento sto facendo delle collaborazioni con Maestri di Strada di Cesare Moreno.
    Grazie Roberto

  20. roberto Bartoli 3495471797

     /  10 febbraio 2012

    Salve sono Roberto Bartoli e sto cercando un lavoro anche part-time. Ho vissuto in Inghilterra per molti anni. Ora sono a Napoli collaborando con Maesrti di strada . Negli ultimi 7 anni ho lavorato in Londra con bambini/e e giovani persone con severo Autismo ed altre disabilities.
    posso mandare mio curriculum se richiesto.
    Grazie Roberto Bartoli

  21. sono la mamma di un bambino speciale a cui un anno fa è stata diagnosticata la sindrome di asperger presso l’ oasi di Troina ( EN ) istituto per il ritardo mentale e l’involuzione senile. IN questi 12 mesi di psicomotricità e terapia dell’attenzione ( il bambino è iperattivo e possiede un QI oltre la media) all’ultimo day hospital risultano margini di miglioramento inaspettati,tanto che abbiamo intuito una certa perplessità….
    mio figlio è stato trattato farmacologicamente con il depakin,anche se non siamo riusciti ad arrivare mai al dosaggio stabilito perchè a mio parere , così dice la psichiatra, gli accentuava l’iperattività. Sono stata rimproverata perchè non posso permettermi di imputare il farmaco… sta di fatto che io l’ ho interrotto e il bambino è più gestibile… a questo punto visto che mio figlio ha sei anni ed ancora posso fare del mio meglio per aiutarlo vorrei un consiglio: devo consultare qualcun’ altro? E se si a chi mi devo rivolgere?

  22. Fernando

     /  27 ottobre 2011

    Buongiorno, volevo segnalare che in data 12-13-14 Gennaio 2012 si svolgera’ presso l’ Ordine dei Medici Chirurghi di Catania il workshop introduttivo I all’ABA di Francesca degli Espinosa.
    Le iscrizioni si chiuderanno il 04/11/2011.
    Per info e iscrizioni rivolgersi a : Segreteria Organizzativa: 095 4035524/11.

  23. Autismo Incazziamoci

     /  3 luglio 2011

    Non possiamo dire se è autistico. Possiamo dire però che è una diagnosi del cavolo (tra l’altro ICD-9 è stato superato dall’ICD-10). Disturbo misto dello sviluppo sembra autismo.
    La cosa migliore da fare è portare il bambino in un posto dove sanno fare davvero le diagnosi di autismo. Lo so che è una rottura di scatole, ma non vedo alternative.
    In ogni caso, la psicomotricità non è mai una soluzione. Per nulla.

  24. lina

     /  3 luglio 2011

    Mio figlio di 3 anni e mezzo hanno sentenziato al UOMPIA che ha un disturbo misto dello sviluppo codice ICD-9:315.5 e hanno scritto che la patologia è da intendersi progressiva cosa devo pensare che è affetto da autismo? come posso aiutarlo loro mi dicono di fargli fare PSICOMOTRICITA’

  25. Una Lanterna per la Speranza ONLUS

     /  4 febbraio 2011

    Buongiorno
    Vorremmo segnalare un importante incontro formativo, per la prima volta nella Provincia di Varese, sull’Analisi Applicata al Comportamento (ABA) per il trattamento di soggetti affetti da autismo infantile.

    L’associazione “UNA LANTERNA PER LA SPERANZA” – ONLUS, con il patrocinio del Comune di Gavirate, organizza il WS INTRODUTTIVO tenuto da FRANCESCA DEGLI ESPINOSA
    “AUTISMO E PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: PRINCIPI E TECNICHE DELL’ANALISI APPLICATA AL COMPORTAMENTO VERBALE”.

    Il WS si svolgerà nei giorni 17-18-19 marzo 2011 dalle ore 9.00 alle ore 17.00 presso COMUNE DI GAVIRATE – SALA CONSILIARE Via De Ambrosis, 11

    Il Corso è aperto a educatori, operatori, insegnanti e genitori. 60 posti disponibili – chiusura iscrizioni 11-03-2011

    COSTO: 150,00 euro – ridotto per enti, scuole e associati 70,00 euro (posti limitati).

    INFORMAZIONI : unalanternaperlasperanza@yahoo.it – 333.1914677 – profilo Facebook – http://www.unalanternaperlasperanza.it (in costruzione)

    Si ringraziano per le donazioni:
    GiGa – http://www.gi-ga.ch
    Logicor gruppo Corman spa – http://www.corman.it
    Miracles & Wonders srl affiliato Key21 – http://www.key21.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...